Anticiclone e niente freddo

Voglio la neve!
Almeno facesse le onde...
Odio il freddo.
Prendo quel che viene.



Risultati
Sondaggi

Voti: 231
Commenti: 1
 
 
0
    
   Viaggiare sicuri » Come affrontare il rischio Malaria  
 
Pubblicato Lunedì 20 Marzo 2006 da paolo
 
 

Surf da onda
Per un surfista è abbastanza facile trovarsi a dover affrontare il problema Malaria. Questo articolo vuole essere un aiuto per comprendere meglio il problema e consigliare una profilassi. Tuttavia variazioni nella sensibilità ai farmaci da parte dei parassiti della malaria costringono a periodiche revisioni delle raccomandazioni per la profilassi della malaria, specialmente della malaria causata dal Plasmodium falciparum clorochina resistente (CRPF).


Annualmente 25-30 milioni di persone dai paesi industrializzati si recano in Paesi dove la malaria è endemica: ben 30.000 tra nordamericani ed europei si ammalano di malaria (1).
Tale malattia riveste notevole importanza non solo per i turisti a breve termine, ma soprattutto per coloro che si prodigano nelle missioni umanitarie, in militari, volontari o emigrati.
I medici che consigliano una chemioprofilassi ai viaggiatori, devono badare all'evoluzione dei quadri di farmacoresistenza dei parassiti malarici.

Come è noto, la malaria è trasmessa da 4 principali parassiti:

  • Plasmodium falciparum
  • Plasmodium vivax
  • Plasmodium ovale
  • Plasmodium malariae

    Le infezioni da P. falciparum, se non trattate efficacemente e tempestivamente, possono essere mortali. Tali infezioni causano non meno di 2.000.000 di decessi ogni anno (2).
    Il più alto rischio di malaria si ha nell'Africa subsahariana, in Papua Nuova Guinea, nelle isole Salomone e in Vanuatu; il rischio è intermedio ad Haiti e nel subcontinente indiano; è basso nell'Asia sudorientale e nell'America Latina.
    E' importante per i viaggiatori attenersi all'uso di misure preventive. Problematica è la compliance con un trattamento antimalarico efficace in viaggiatori a lungo termine.
    E' stato evidenziato che almeno la metà dei viaggiatori non utilizza un trattamento antimalarico efficace o appropriato o misure antizanzara, pur se ben consigliato prima della partenza (3).
    Occorrono migliori conoscenze della malaria da parte degli operatori sanitari, migliore educazione del pubblico e una migliore adesione alle misure antizanzara e ai farmaci antimalarici.
    Nel presente articolo si cercherà di evidenziare le strategie di prevenzione della malaria, il da fare per evitare il contatto con la zanzara e i farmaci attualmente raccomandati.



    Misure di protezione generale
    La trasmissione della malaria avviene di norma tra il crepuscolo e l'alba da parte della femmina della zanzara Anopheles.
    E' importante in queste ore rimanere in stanze ben schermate o con aria condizionata.
    Si possono utilizzare anche aerosol insetticidi o zanzariere (preferibilmente impregnate di permetrina) o applicazione sulla cute di repellenti contro gli insetti, a base di N,N-dietil-m-toluamide (DEET). Quest'ultima modalità assicura un'efficacia di circa 6-8 ore, può avere effetti collaterali neurotossici (attenzione ai bambini): non utilizzare repellenti con oltre il 30% di DEET, in quanto il vantaggio addizionale sull'effetto repellente non è significativo quando confrontato col potenziale effetto neurotossico.

    Chemioprofilassi
    Con la chemioprofilassi si previene l'effetto clinico dell'infezione malarica mediante l'utilizzo di farmaci.
    I farmaci usati devono essere ben tollerati, in quanto utilizzabili da milioni di viaggiatori ogni anno.
    Negli ultimi anni la diffusione della farmacoresistenza ha diminuito i farmaci efficaci a nostra disposizione.
    Importante è stata negli anni '60 la comparsa del Plasmodium falciparum clorochina-resistente (CRPF), che si è diffusa in tutti i paesi tranne che in Haiti, la Repubblica Dominicana, l'America centrale e parti del Medio Oriente.
    Oltre alla clorochina, il P. falciparum è diventato resistente alla combinazione di pirimetamina e sulfadoxina nel Sud Est Asiatico, in Africa e nella regione amazzonica; inoltre è comparsa resistenza alla meflochina nella Cambogia e in Tailandia.
    Il P. vivax è diventato clorochina-resistente in Indonesia, in Papua Nuova Guinea e nelle isole Salomone.



    Linee guida per la chemioprofilassi
    La chemioprofilassi antimalarica dovrebbe essere raccomandata basandosi sul rischio stimato di infezione.
    Le linee guida dovrebbero essere semplici e di facile comprensione per i viaggiatori: importante il recepimento della necessità della prevenzione della malaria.
    La meflochina settimanale è raccomandata per chi si reca in aree dove è presente il CRPF (controindicata in coloro che sono ipersensibili al farmaco e in pazienti con epilessia o patologia neuropsichiatrica).
    La dossiciclina giornaliera è in alternativa alla meflochina (controindicata nei bambini sotto gli 8 anni e nelle gravide).
    La clorochina è raccomandata per chi viaggia in aree non CRPF, in rosso in figura.




    L'associazione della clorochina settimanale con il proguanile giornaliero ne aumenta l'efficacia del 54-72%; il fatto della non completa efficacia e il combinare un farmaco a dosaggio giornaliero con un altro a dosaggio settimanale ne hanno limitato l'uso soltanto in coloro che non tollerano la meflochina o la dossiciclina.
    La primachina è utilizzata come profilassi terminale per prevenire le recidive della malaria causate dalla fase epatica del P. vivax o del P. ovale.
    La chemioprofilassi con meflochina o con clorochina deve essere iniziata 1 o 2 settimane prima della partenza e deve essere continuata per 4 settimane dopo il ritorno.
    I dosaggi dei farmaci per la profilassi sono elencati in Tabella 1.



    Tabella 1 : Farmaci per la profilassi della malaria.

    Farmaco Uso Dose adulto Dose Bambino
    Meflochina In aree dove è stata segnalata malaria da P.Falciparum clorochina-resistente 228 mg di base (250 mg di sale formulazione USA), 250 mg di base (altri Paesi), per os, 1 somministrazione settimanale Meno di 15 kg: 4,6 mg/kg di base
    (5 mg/kg di sale) per sett.15-19 kg: 1/4 cpr per sett.20-30 kg: 1/2 cpr per sett.31-45 kg: 3/4 cpr per sett.>45 kg: 1 cpr per sett.
    DossiciclinaIn alternativa alla meflochina100 mg, per os, 1 somministrazione giornaliera Età >8 aa: 2 mg/kg/die, per os, dose massima 100 mg/die
    ClorochinaIn aree dove non è stata segnalata malaria clorochina-resistente 300 mg di base (500 mg di sale) per os, 1 somministrazione settimanale

    5 mg/kg di base (8,3 mg/kg di sale), per os, 1 somministrazione settimanale dose massima 300 mg di base; in alcuni Paesi europei è disponibile uno sciroppo a miglior sapore


    Proguanile
    (non autorizz.
    in USA)

    Usato insieme a clorochina come alternativa meno efficace a meflochina o doxiciclina 200 mg per os, 1 somministrazione giornaliera, in combinazione con clorochina settimanale Età <2 aa: 50mg/die
    2-6 aa: 100mg/die
    7-10 aa: 150 mg/die
    >10 aa: 200 mg/die
    PrimachinaPrevenzione postesposizione per malaria 'recidivante'15 mg di base (26,3 mg di sale), per os, 1 somministrazione giornaliera per 14gg 0,3 mg/kg di base (0,5 mg/kg di sale) per os, 1 somministrazione giornaliera per 14gg


    Per coloro che utilizzano in maniera subottimale o non si adeguano alle prescrizioni degli operatori sanitari, si raccomanda di portar con sé un farmaco (di solito pirimetaminasulfadoxina) per la possibile automedicazione provvisoria (4).
    Resta inteso che, poiché nessun farmaco è efficace al 100% nella profilassi della malaria, gli operatori sanitari devono considerare la possibilità della malaria nei viaggiatori con febbre reduci da un viaggio in paesi dove la malaria è endemica.



    Conclusioni
    E' importante per gli operatori sanitari essere aggiornati sugli ultimi sviluppi e raccomandazioni per la chemioprofilassi della malaria (5).
    Negli ultimi anni la meflochina è diventata il farmaco di scelta come consigliato dalla WHO, soprattutto nei paesi con CRPF. Ma è ormai una realtà la resistenza del P. falciparum anche alla meflochina: è documentata soprattutto in zone del Sud Est Asiatico. Ed all'orizzonte non sembrano essere pronti altri farmaci per rimpiazzare la meflochina.
    D'altronde nel mondo stanno aumentando il numero di viaggiatori verso le aree dove la malaria è endemica: rimane comunque importante che tutti seguano le raccomandazioni per la chemioprofilassi e le misure generali di protezione.


    AUTORI
    dr. PATRIARCHI Roberto, dr. DE BARTOLOMEO Giuseppe, dr. GRASSI Orazio, dr. SABUSCO Giuseppe
    Fonte: Edizioni Universitarie Romane


    BIBLIOGRAFIA
    (1) Behrens R.H., Curtis C.F.: Malaria in travellers: epidemiology and prevention. Br Med Bull, 1993, 49: 363-381

    (2) Greenberg A.E., Lobel H.O.: Mortality from Plasmodium falciparum malaria in travellers from the United States, 1959 to 1987. Ann Intern Med 1990, 113: 326-327.

    (3) Lobel H.O., Phillips-Howard P.A.: Brandling-Bennett AD, et al. Malaria incidence and prevention among European and North American travellers to Kenya. Bull World Health Organ 1990, 68: 209-215

    (4) Centers for Disease Control and Prevention. Health Information for International Travel 1996-97. Atlanta, Ga: Centers for Disease Control and Prevention 1997.

    (5) World Health Organization. International Travel and Health: vaccination, certificate requirements and Health advice, 1997. Geneva, Switzerland: World Health Organization; 1997.



    Rischio malarico e profilassi nei diversi Paesi del Mondo

    Per ogni nazione è riportato il rischio di infezione della malattia e una descrizione dettagliata sul tipo d'infezione e la profilassi consigliata (tratto dal sito Centro Medicina Preventiva e Tropicale).


  • AFGHANISTAN
    Il rischio di infezione malarica, quasi esclusivamente da P. vivax, esiste da maggio a fine novembre al di sotto dei 2000 metri. Segnalata resistenza di P.falciparum alla clorochina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Clorochina+Proguanile.

  • ALBANIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ALGERIA
    Il rischio di infezione malarica, esclusivamente da P. vivax, è limitato ad un piccolo focolaio: Ihrir (dipartimento di Illizi); la zona è isolata e non frequentata abitualmente dai viaggiatori internazionali.
    Non si consiglia profilassi.

  • ANDORRA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ANGOLA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma daP.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata di elevata resistenza di P.falciparum alla clorochina ed alla associazione sulfadossina-pirimetamina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • ANTIGUA E BARBUDA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ANTILLE OLANDESI
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ARABIA SAUDITA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno tranne che nelle Province del Centro, dell'Est e del Nord, nelle zone ad elevata altitudine della provincia di Asir, e nelle zone urbane della provincia dell'Ovest (Jeddah, La Mecca, Medina e Taif). Segnalata resistenza di P.falciparum alla clorochina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina+Proguanile.

  • ARGENTINA
    Il rischio di infezione malarica, esclusivamente da P.vivax, è basso ed è confinato alle aree rurali lungo i confini con la Bolivia (bassopiani delle Province di Salta e di Jujuy) e con il Paraguay (bassipiani delle Province di Misiones e di Corrientes).
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina.

  • ARMENIA
    Il rischio di infezione malarica, esclusivamente da P. vivax, esiste in alcuni piccoli foci ubicati in poche zone dei confini orientali.
    Non si consiglia profilassi.

  • AUSTRALIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • AUSTRIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • AZERBAIJIAN
    Il rischio di infezione malarica, esclusivamente da P.vivax, esiste nelle aree meridionali, e nella regione settentrionale di Khachmas. Segnalati sporadici casi nei sobborghi di Baku.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina.

  • BAHAMAS
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • BAHRAIN
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • BANGLADESH
    Il rischio di infezione malarica esiste tutto l'anno nell'intero Paese, tranne che nella municipalità di Dacca. Segnalata forte resistenza di P.falciparum alla clorochina nelle regioni sudorientali. Riportata resistenza anche alla associazione sulfadossina-pirimetamina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Clorochina+Proguanile;
    nelle aree forestali e nel Sud-Est del Paese: Meflochina.

  • BARBADOS
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • BELARUS
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • BELGIO
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • BELIZE
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. vivax e solo marginalmente da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutti i Distretti, ma la sua intensità varia da regione a regione.
    Profilassi raccomandata (OMS): Clorochina.

  • BENIN
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Esiste elevata clorochino-resistenza di P.falciparum.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • BERMUDA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • BHUTAN
    Il rischio di infezione malarica esiste tutto l'anno nella cintura meridionale di cinque Distretti, e precisamente Chirang, Gaylegphug, Samchi, Samdrupjongkhar e Shemgang. Segnalata resistenza di P. falciparum alla clorochina ed alla associazione sulfadossina-pirimetamina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina+Proguanile.

  • BIELORUSSIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • BOLIVIA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma daP. vivax, esiste tutto l'anno al di sotto dei 2500 metri di altitudine, nei Dipartimenti di Oruro, Beni, Pando, Santa Cruz e Tarija e nelle Province di Lacareja, Rurenabaque e dello Yungas del Sud e del Nord, nel Dipartimento di La Paz.
    A rischio inferiore sono Cochabamba e Chuquisaca.
    P. falciparum, di cui è segnalata la resistenza alla clorochina ed alla associazione sulfadossina-pirimetamina, è presente nelle regioni di Bando e Peni, specialmente nelle località settentrionali di Guayaramerin, Riberalta e Puerto Rico.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio(OMS): Clorochina;
    nelle aree settentrionali: Meflochina
  • BOSNIA ERZEGOVINA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • BOTSWANA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma daP.falciparum, esiste da novembre a maggio-giugno nelle zone settentrionali del Paese, e precisamente nei Distretti e nei sottodistretti di Boteti, Chobe, Ngamiland, Okavango e Tutume. Segnalata resistenza di P.falciparum alla clorochina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina+Proguanile.

  • BRASILE
    Il rischio di infezione malarica - rappresentato per circa il 65% da P.vivax e per il restante 35% da P.falciparum - è elevato durante tutto l'anno nella maggior parte delle aree forestali site al di sotto dei 900 metri di altitudine, dei 9 stati dell' Amazzonia 'Legale' (Acre, Amapà, Amazonas, Maranhão - parte occidentale -, Parà - ad eccezione della città di Belem, Rondônia, Roraima e Tocantinis). L'intensità della trasmissione varia da municipalità a municipalità, ma è comunque molto alta nelle aree forestali ove vi siano insediamenti umani dediti al disboscamento, all'agricoltura e allo sfruttamento di miniere. In tali insediamenti è comune (›50%) la presenza di ceppi di P.falciparum multichemioresistenti. L'intensità della trasmissione è minore nelle aree urbane, comprese le grandi città come Porto Velho, Boa Vista, Macapà, Manaus, Santarém e Maraba. Negli Stati siti al di fuori dell'Amazzonia 'Legale' il rischio di trasmissione malarica è trascurabile se non inesistente.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Meflochina.

  • BRUNEI DARUSSALAM
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • BULGARIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • BURKINA FASO
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • BURUNDI
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • CAMBOGIA
    Il rischio di infezione malarica - soprattutto nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno nell'intero Paese eccetto che a Phnom Penh e dintorni e attorno a Tonle Sap. P.falciparum è presente anche nell'area turistica di Angkor Wat. Segnalata forte resistenza di P.falciparum alla clorochina ed alla associazione sulfadossina-pirimetamina. Riportata inoltre resistenza alla meflochina nelle province occidentali.
    Profilassi raccomandata: Meflochina;
    nelle province occidentali: Dossiciclina.

  • CAMERUN
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina ed alla associazione sulfadossina-pirimetamina.
    Profilassi raccomandata: Meflochina.

  • CANADA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • CAPO VERDE
    Un rischio limitato di infezione malarica esiste da settembre a novembre nell'isola di São Tiago.
    Non si consiglia profilassi.

  • CIAD
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • CILE
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • CINA
    Il rischio di infezione malarica, sia da P. vivax che da P.falciparum, esiste nell' isola di Hainan, nello Yunnan e, a livello meno elevato, nello Guangxi. In Hainan e nello Yunnan sono presenti ceppi di P. falciparum multichemioresistenti.
    Rischio di contrarre infezione malarica da P.vivax è anche presente in Fujian, Guangdong, Guizhou, Sichuan, Xinjiang (in questa regione solo nella valle del fiume Yili) e Xizang (qui soltanto lungo il fiume Zangbo, nell'estremo Sud-Est).
    Rischio (estremamente basso) di contrarre infezione malarica da P. vivax esiste anche in Anhui, Hubei, Hunan, Jiangsu, Jiangxi, Shandong, Shangai e Zhejiang.Da tener presente che il rischio può aumentare in caso di occasionali episodi epidemici.
    Là dove è possibile la trasmissione del parassita malarico, questa si verifica, comunque, al di sotto dei 1500 metri di altitudine, alle seguenti latitudini: da Luglio a Novembre a nord del 33° N, da Maggio a Dicembre tra il 33° N ed il 25° N, e durante tutto l'anno anche a sud del 25° N.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina
    in Hainan e Yunnan: Meflochina.

  • CIPRO
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • COLOMBIA
    Il rischio di infezione malarica - prevalentemente da P.vivax (66% circa), ma in misura importante anche da P.falciparum(34% circa) - è alto durante tutto l'anno nelle aree rurali e silvestri al di sotto degli 800 metri. La trasmissione avviene in 245 municipalità delle regioni Urabà-Bajo Cauca, Orinoquia, Pacifico ed Amazonia. L'intensità della trasmissione varia da Dipartimento a Dipartimento con rischio maggiore in Antioquia, Arauca, Caquetà, Chocò, Còrdoba, Guainìa, Guaviare, Meta, Narino, Putumayo e Vichada. Esiste clorochino-resistenza di P.falciparum in Urabà-Bajo Cauca, Pacifico e Amazonia. Un più basso livello di intensità di trasmissione del parassita malarico esiste in 403 municipalità dei dipartimenti di Amazonas, Boyacà, Norte di Santander e Vaupés: Le altre 419 municipalità, in 18 Dipartimenti, hanno un rischio di infezione malarica trascurabile se non addirittura inesistente.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina+Proguanile;
    in Urabà-Bajo Cauca, Pacifico e Amazonia: Meflochina.

  • COMORE
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • CONGO
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • COREA DEL NORD
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • COREA DEL SUD
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • COSTA D'AVORIO
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma maligna da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • COSTA RICA
    Il rischio di infezione malarica - quasi esclusivamente da P.vivax - è presente, moderatamente, durante tutto l'anno nei 14 cantoni all'interno delle Province di Los Chiles e Limòn. Un più basso livello di trasmissione del parassita malarico esiste nei 20 cantoni delle province di Guanacaste, Alajuela e Heredia. Negli altri 54 cantoni del Paese il rischio è trascurabile se non addirittura inesistente.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina.

  • CROAZIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • CUBA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • DANIMARCA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • DOMINICA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ECUADOR
    Il rischio di infezione malarica - principalmente nella forma da P.vivax (74% circa), ma anche da P.falciparum (26% circa) - è elevato durante tutto l'anno in 148 Cantoni di 19 Province. Non è riportata resistenza di P.falciparum alla clorochina, fatta eccezione per pochi ceppi, importati, nelle valli dei fiumi Napo e Pastaza.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina+Proguanile.

  • EGITTO
    Il rischio di infezione malarica, sia nella forma da P.falciparum che da P.vivax esiste da Giugno ad Ottobre nell'area di El Faiyum.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina.

  • EL SALVADOR
    Il rischio di infezione malarica, quasi esclusivamente da P.vivax, esiste tutto l'anno nella Provincia di Santa Ana, nelle aree rurali interessate dal flusso migratorio proveniente dal Guatemala
    Profilassi raccomandata (OMS): Clorochina.

  • EMIRATI ARABI UNITI
    La infezione malarica non rappresenta un rischio nell'Emirato di Abu Dhabi e nelle città di Dubai, Sharjah, Ajman e Umm-al-Qaiwain. Il rischio di infezione malarica esiste invece nelle valli e nelle aree pedemontane delle regioni montagnose degli Emirati del Nord.
    Profilassi raccomandata (OMS): Clorochina+Proguanile.

  • ERITREA
    Il rischio di infezione malarica - principalmente nella forma da P. falciparum - esiste tutto l'anno nell'intero Paese, nelle aree site al di sotto dei 2000 metri di altitudine. Non è considerata a rischio la città di Asmara.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • ESTONIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ETIOPIA
    Il rischio di infezione malarica - principalmente nella forma da P. falciparum - esiste tutto l'anno nell'intero Paese, nelle aree site al di sotto dei 2000 metri di altitudine. Non è considerata a rischio la città di Addis Abeba. Riportata alta resistenza di P. falciparum alla clorochina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • FALKLAND
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • FIGI
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • FILIPPINE
    Il rischio di infezione malarica esiste tutto l'anno nelle zone site al di sotto dei 600 metri di altitudine, eccetto che nelle province di Bohol, Catanduanes, Cebu e Leyte e nell'area metropolitana di Manila. Si ritiene che non esista alcun rischio nelle zone urbane e nelle pianure. Rapporti relativi a ceppi di P.falciparum resistenti alla clorochina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina+Proguanile

  • FINLANDIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • FRANCIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • GABON
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • GAMBIA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • GEORGIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • GERMANIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • GHANA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • GIAMAICA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • GIAPPONE
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • GIBILTERRA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • GIBUTI
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina del P.falciparum.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • GIORDANIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • GRECIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • GRENADA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • GROENLANDIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • GUADALUPA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • GUAM
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • GUATEMALA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.vivax, esiste tutto l'anno al di sotto dei 1500 metri di altitudine. Ad alto rischio sono i seguenti Dipartimenti: Alta Verapaz, Escuintla, Huehuetenango, Petén e Quinché; rischio moderato esiste invece nei Dipartimenti di Baja Verapaz, Izabal, Jutiapa, Retalhuleu, San Marcos, Suchitepequez e Zacapa.
    Profilassi raccomandata (OMS): Clorochina

  • GUINEA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • GUINEA BISSAU
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata clorochino-resistenza.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • GUINEA EQUATORIALE
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata clorochino-resistenza.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • GUYANA
    Il rischio di infezione malarica - equamente diviso tra la forma da P.falciparum (50% circa)e da P. vivax (49% circa)- è elevato durante tutto l'anno nelle aree rurali. Solo nelle città di Georgetown e New Amsterdam non vi è rischio di trasmissione del parassita malarico. Riportata forte resistenza alla clorochina di P. falciparum.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • GUYANA FRANCESE
    Il rischio di infezione malarica (è predominante la forma da P.falciparum) è elevato durante tutto l'anno nelle nove municipalità del territorio confinante col Brasile (valle del fiume Oiapoche) e col Suriname (valle del fiume Maroni). Nelle altre 13 municipalità il rischio di trasmissione è addirittura
    trascurabile. Nelle aree interessate dal flusso migratorio proveniente dal Brasile è riportata una forte multichemioresistenza di P.falciparum.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Meflochina.

  • HAITI
    Il rischio di infezione malarica - quasi esclusivamente nella forma da P.falciparum - esiste durante tutto l'anno in alcune aree forestali a Gros Morne, Hinche, Maissade, Quanaminthe, Chantal e Jacmel. Gli altri Cantoni sono stimati essere a basso rischio. Non è riportata resistenza del P.falciparum alla clorochina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina.

  • HONDURAS
    Il rischio di infezione malarica - in maniera pressochè esclusiva da P.vivax (98% circa) - è elevato durante l'anno in 223 municipalità su un totale di 294. Il rischio di trasmissione è basso nelle altre 71 municipalità, incluse le città di Tegucigalpa e San Pedro Sula.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina.

  • HONG KONG
    Il rischio di infezione malarica è considerato inesistente nelle aree urbane e nella maggior parte di quelle rurali.
    Non si consiglia profilassi antimalarica.

  • INDIA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.vivax, esiste tutto l'anno in tutto il Paese al di sotto dei 2000 metri di altitudine. Non c'è trasmissione del parassita malarico nella gran parte degli Stati di Himachal Pradesh, Jammu e Kashmir e Sikkim. Riportata la presenza di P.falciparum molto resistente alla clorochina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina+Proguanile.

  • INDONESIA
    Il rischio di infezione malarica esiste durante tutto l'anno nell'intero Paese fatta eccezione per la municipalità di Giacarta, le altre grandi città e le principali località turistiche di Java e Bali. Segnalata forte resistenza di P.falciparum alla clorochina ed alla associazione sulfadossina-pirimetamina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina+Proguanile;
    in Irian Jaya (isola di Nuova Guinea): Meflochina.

  • IRAN
    Un rischio limitato di infezione malarica esiste in alcune aree a nord delle montagne Zagros e nelle regioni occidentali e sud-occidentali del Paese durante i mesi estivi. Il rischio di infezione malarica esiste anche, da Marzo a fine Novembre, principalmente nelle province di Sistan-Baluchistan, Hormozgan e Kerman (zona tropicale). Segnalata elevata resistenza di P.falciparum alla clorochina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina;
    nelle regioni sudorientali: Clorochina+Proguanile.

  • IRAQ
    Il rischio di infezione malarica, esclusivamente nella forma da P.vivax, esiste da Maggio a Novembre nelle aree del nord site al di sotto dei 1500 metri di altitudine (province di Duhok, Erbil, Ninawa, Sulaimaniya e Ta'mim) ma anche nella provincia di Bassora.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina.

  • IRLANDA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ISLANDA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ISOLE CAYMAN
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ISOLE DI CHRISTMAS
    Stesse esigenze che per l'Australia.

  • ISOLE COOK
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ISOLE FAER OER
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ISOLE MARIANNE DEL NORD
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ISOLE MARSHALL
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ISOLE DEL PACIFICO
    (TERRITORI SOTTO TUTELA DEGLI U.S.A.)
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ISOLE SALOMONE
    Il rischio di infezione malarica, esiste tutto l'anno salvo in certi isolotti orientali e meridionali. Segnalata elevata resistenza di P.falciparum alla clorochina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Meflochina.

  • ISOLE VERGINI BRITANNICHE
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ISOLE VERGINI DEGLI STATI UNITI D'AMERICA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ISOLE WAKE
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ISRAELE
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ITALIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • KAZAKISTAN
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • KENYA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma maligna da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Sebbene ne siano stati registrati alcuni casi, la città di Nairobi è considerata a bassissimo rischio; ugualmente gli altipiani (al di sopra dei 2500 metri) delle Province Centrale, Orientale, Occidentale, della Valle del Rift e di Nyanza. Esiste una elevata resistenza di P.falciparum sia alla clorochina che alla associazione sulfadossina-pirimetamina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Meflochina.

  • KIRGHIZISTAN
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • KIRIBATI
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • KUWAIT
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • LAOS
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese, salvo che a Vientiane. Riportata la presenza di P.falciparum molto resistente alla clorochina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Meflochina.

  • LESOTHO
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • LETTONIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • LIBANO
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • LIBERIA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Esiste una elevata resistenza di P.falciparum sia alla clorochina che alla associazione sulfadossina-pirimetamina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Meflochina.

  • LIBIA
    Il rischio di infezione malarica esiste da febbraio a fine agosto in due piccoli focolai nel sud-ovest del Paese. Nessun caso indigeno segnalato negli ultimi anni.
    Non si consiglia profilassi antimalarica.

  • LIECHTENSTEIN
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • LITUANIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • LUSSEMBURGO
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • MACAO
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • MACEDONIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • MADAGASCAR
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese, particolarmente nelle zone costiere. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Meflochina.

  • MALAWI
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Presenza di elevate resistenze di P. falciparum alla clorochina ed alla associazione sulfadossina-pirimetamina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Meflochina.

  • MALAYSIA
    Il rischio di infezione malarica non esiste se non in limitati focolai nel profondo entroterra. Le aree urbane e costiere sono libere da infezione malarica tranne che il Sabah, in cui esiste la trasmissione principalmente di P.falciparum resistente alla clorochina. Pochi casi di parassito-resistenza alla sulfadossina-pirimetamina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina+Proguanile.
    Nel Sabah: Meflochina.

  • MALDIVE
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • MALI
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Meflochina.

  • MALTA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • MAROCCO
    Il rischio di infezione malarica, esclusivamente nella forma da P.vivax, esiste da Maggio ad Ottobre in poche zone rurali delle seguenti province (in ordine decrescente di importanza): Beni Mellal, Taza, Khémisset, Khouribga, Khénifra Chefchaouen, Taounate, El Kelaa Srahma, Setta e Larache.
    Non si consiglia profilassi antimalarica.

  • MARTINICA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • MAURITANIA
    Il rischio di infezione malarica, prevalentemente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno nell'intero Paese, eccettuate le regioni settentrionali di Dakhlet-Nouadhibou e Tiris-Zemour. In Adrar e Inchiri esiste il rischio di trasmissione del parassita malarico durante la stagione delle piogge (Luglio-Ottobre).
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina+Proguanile.

  • MAURITIUS
    Il rischio di infezione malarica, esclusivamente nella forma da P. vivax, esiste tutto l'anno in alcune zone rurali eccetto che nell'isola di Rodrigues. Non si consiglia profilassi antimalarica.

  • MAYOTTE (Territorio Francese)
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno.
    Profilassi raccomandata: Meflochina

  • MESSICO
    Il rischio di infezione malarica, quasi esclusivamente nella forma da P. vivax, esiste tutto l'anno in zone rurali non troppo interessate dal flusso turistico. Gli Stati in cui la trasmissione malarica è maggiore sono, in ordine decrescentedi rischio: Chiapas, Oaxaca, Sinaloa, Michoacán, Nayarit, Guerrero, Tabasco, Quintana Roo, Chihuahua, Campeche, e Hidalgo.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio: Clorochina.

  • MICRONESIA (STATI FEDERALI DI)
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • MONACO
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • MONGOLIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • MONTSERRAT
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • MOZAMBICO
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l`anno in tutto il Paese. P. falciparum, molto resistente alla clorochina ed alla associazione sulfadossina-pirimetamina.
    Profilassi raccomandata: Meflochina

  • MYANMAR (già BIRMANIA)
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste abitualmente al di sotto dei 1000 metri di altitudine secondo il seguente schema: a) tutto l'anno nello Stato di Karen; b) da marzo a fine dicembre negli Stati di Chin, Kachin, Kayah, Mon, Rakhine e Shan, nel Pegu Div., così come nei suburbi di Yangon (Rangoon) Hlegu, Hmawbi e Taikkyi; c) da aprile a fine dicembre nelle zone rurali di Tenasserim Div., d) da maggio a fine dicembre nel Irrawaddy Div. e le zone rurali di Mandalay Div.; e) da giugno a fine novembre nelle zone rurali di Magwe Div. e in Sagaing Div.
    E' diffusa la resistenza di P. falciparum alla clorochina ed alla associazione sulfadossina-pirimetamina.
    Segnalata elevata resistenzadi P. vivax alla clorochina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • NAMIBIA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste nelle regioni settentrionali e in quelle di Otjozondjupa e Omaheke da novembre a maggio/giugno e lungo il fiume Kavango e Kunene durante tutto l'anno. Segnalata alta resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio: Clorochina+Proguanile

  • NAURU
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • NEPAL
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. vivax, esiste tutto l'anno nelle zone rurali dei distretti del Terai (ivi comprese colline boschive e zone con foreste) di Dhanukha, Mahotari, Sarlahi, Rautahat, Bara, Parsa, Rupendehi, Kapilvastu e specialmente lungo la frontiera con l'India. Segnalata resistenza di P. falciparum alla clorochina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio: Clorochina+Proguanile.

  • NICARAGUA
    Il rischio di infezione malarica - principalmente nella forma da P.vivax (94% circa), ma anche da P.falciparum (5,5% circa) - è alto durante l'anno in 119 municipalità. Nelle altre 26 municipalità, nei dipartimenti di Madriz, Carazo e Masaya il rischio di trasmissione è basso o trascurabile. Non viene riportata clorochino-resistenza del P. falciparum.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio: Clorochina.

  • NIGER
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum esiste tutto l'anno ed in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina
    Profilassi raccomandata: Meflochina.

  • NIGERIA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata: Meflochina.

  • NIUE
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • NORVEGIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • NUOVA CALEDONIA E POSSEDIMENTI
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • NUOVA ZELANDA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • OMAN
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese ad eccezione delle aree desertiche e di quelle ad altitudine superiore ai 2000 metri.
    Riportata clorochino-resistenza DI P. falciparum.
    Profilassi raccomandata: Clorochina+Proguanile.

  • PAESI BASSI (OLANDA)
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • PAKISTAN
    Il rischio di infezione malarica esiste tutto l'anno in tutto il Paese al di sotto dei 2.000 mt. Segnalata resistenza alla clorochina di P. falciparum. Profilassi raccomandata: Clorochina+Proguanile.

  • PALAU
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • PANAMA
    Il rischio di infezione malarica - principalmente nella forma da P.vivax (87% circa), ma anche da P.falciparum (12% circa) - è moderato durante tutto l'anno solamente in 3 province: Bocas de Toro nella parte occidentale e Dàren e San Blas nell'est. Nelle altre 6 province non c'è rischio o tale rischio è trascurabile. Pochi casi di infezione malarica falciparum sono stati riportati a San Blas.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio: Clorochina.

  • PAPUA NUOVA GUINEA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese al di sotto dei 1.800 metri. Riportata la presenza di P. falciparum molto resistente alla clorochina ed alla associazione sulfadossina-pirimetamina. Riportata resistenza di P. vivax alla clorochina.
    Profilassi raccomandata: Meflochina.

  • PARAGUAY
    Il rischio di infezione malarica - principalmente nella forma da P.vivax (96% circa), ma anche da P.falciparum (4% circa) - è presente, a livelli moderati, in certe municipalità dei dipartimenti di Caaguazù, Alto Paranà, Amambay e Canendiyù. Negli altri 13 dipartimenti non esiste rischio di trasmissione o tale rischio è trascurabile.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio: Clorochina.

  • PERU'
    Il rischio di infezione malarica - principalmente nella forma da P.vivax (80% circa), ma anche da P.falciparum (20% circa) - è alto in 21 delle 33 'regioni sanitarie', incluse Loreto, Madre de Dios, Luciano Castillo, Jaen, Junín, San Martin, Ucayali, Cerro de Pasco, Piura, Ayacucho e Tumbes. La trasmissione del P. falciparum è limitata a Luciano Castillo, Loreto, Jaen, Piura, San Martin, Lambayeche e Tumbes. Segnalata ciorochino-resistenza di P. falciparum a Piura, Loreto e Luciano Castillo.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio: Clorochina;
    in Luciano Castillo, Loreto e Piura: Meflochina.

  • PITCAIRN
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • POLINESIA FRANCESE
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • POLONIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • PORTOGALLO
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • PORTO RICO
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • QATAR
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • REGNO UNITO (con le Isole del Canale e l'isola di Man)
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • REPUBBLICA CECA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • REPUBBLICA CENTROAFRICANA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata: Meflochina.

  • REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Riportata elevata resistenza di P. falciparum alla clorochina.
    Profilassi raccomandata: Meflochina.

  • REPUBBLICA DI MOLDAVIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • REPUBBLICA DOMINICANA
    Un basso rischio - dovuto esclusivamente a P. falciparum - esiste durante tutto l'anno esclusivamente nelle aree rurali delle province occidentali di Monte Cristi, Dajabon e Elias Pina. Non c'è evidenza di resistenza di P. falciparum ai farmaci antimalarici.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio: Clorochina.

  • RIUNIONE
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ROMANIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • RUANDA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Riportata elevata resistenza di P. falciparum alla clorochinaed alla associazione sulfadossina-pirimetamina.
    Profilassi raccomandata: Meflochina

  • RUSSIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SAINT-KITTS E NEVIS
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SAINT PIERRE E MICHELON
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SAINT-VINCENT E GRENADINES
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SAMOA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SAMOA AMERICANA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SAN MARINO
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SANT'ELENA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SANTA LUCIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SAO TOME' E PRINCIPE
    Il rischio di infezione malarica principalmente nella forma esiste tutto l'anno. Segnalata clorochino-resistenza di P. falciparum.
    Profilassi raccomandata: Meflochina.

  • SENEGAL
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese; il rischio è inferiore da gennaio a fine giugno nelle regioni Centro Occidentali. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata: Meflochina.

  • SEYCHELLES
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SIERRA LEONE
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina. Profilassi raccomandata: Meflochina.

  • SINGAPORE
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SIRIA (REPUBBLICA ARABA SIRIANA)
    Il rischio di infezione malarica - esclusivamente nella forma da P. vivax - esiste in piccoli focolai lungo il confine settentrionale, specialmente nel nord-est del Paese, da Maggio ad Ottobre.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio: Clorochina.

  • SLOVACCHIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SLOVENIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SOMALIA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata: Meflochina.

  • SPAGNA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SRI LANKA (già CEYLON)
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. vivax, esiste tutto l'anno in tutto il Paese, eccetto i distretti di Colombo, Kalutara e Nuwara Eliya. Riportata la pèresenza di ceppi di P. falciparum clorochino-resistenti.
    Profilassi raccomandata: Clorochina+Proguanile

  • STATI UNITI D'AMERICA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SUD AFRICA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno nelle aree di bassa altitudine della Provincia del Nord, nella Provincia di Mpumalanga (in cui è compresa l'area del Parco Nazionale Kruger), nel KwaZulu/Natal nord-orientale e a sud del fiume Tugela. Il rischio è più elevato da ottobre a maggio. Segnalata clorochina-resistenza.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Meflochina.

  • SUDAN
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P.falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Nelle regioni settentrionali il rischio è inferiore rispetto al resto del territorio ed ha variabilità stagionale. Il rischio è alto lungo il corso del fiume Nilo a sud del lago Nasser e nelle regioni centrali e meridionali del Paese. Lungo le coste del Mar Rosso, la trasmissione del parassita malarico è invece molto scarso. Registrata alta resistenza di P.falciparum.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio: Meflochina.

  • SURINAME
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, è elevato tutto l'anno nei tre distretti meridionali del Paese.Nella città di Paramaribo e nei sette Distretti costieri il rischio di trasmissione del parassita malarico è scarso al punto da essere pressochè trascurabile. Sono riportate resistenze di P.falciparum alla clorochina e, in alcuni casi, anche al chinino.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Meflochina.

  • SVEZIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SVIZZERA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • SWAZILAND
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno nei 'veldt' siti a bassa altitudine (principalmente Big Bend, Mhlume, Simunye e Tshaneni). Registrata alta resistenza di P. falciparum alla clorochina.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio: Meflochina.

  • TAGIKISTAN
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. vivax esiste in alcune zone centrali e occidentali e particolarmente nelle zone meridionali di confine. In alcune zone delle aree a rischio è stata ipotizzata la possibilità di trasmissione di P.falciparum clorochino-resistente.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Clorochina.

  • TANZANIA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese, nelle aree site al di sotto dei 1800 mt di altitudine.
    Riportata la presenza di P. falciparum molto resistente alla clorochina ed alla associazione sulfadossina-pirimetamina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • THAILANDIA
    Il rischio di infezione malarica esiste tutto l'anno nelle aree rurali dell'intero Paese, specialmente nelle zone forestali e collinari. Non esiste praticamente alcun rischio nelle città e nelle principali località turistiche (es. Bangkok, Chiangmai, Pattaya, Phuket).
    Segnalata forte resistenza di P.falciparum alla clorochina ed alla associazione sulfadossina-pirimetamina; segnalat anche alcuni casi di resistenza di P.falciparum alla meflochina e al chinino nelle aree ai confini con la Cambogia ed il Myanmar.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio: Meflochina;
    nelle aree di confine con Cambogia e Myanmar: Dossiciclina.

  • TOGO
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese. Riportata alta resistenza di P. falciparum alla Dossiciclina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • TONGA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • TRINIDAD E TOBAGO
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • TUNISIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • TURCHIA
    Un rischio potenziale di trasmissione del parassita malarico esiste - esclusivamente nella forma da P. vivax - da Aprile ad Ottobre nelle aree di Cukurova/Amikova e nel Sud-Est del Paese. Non esiste praticamente alcun rischio di contrarre infezione malarica nelle aree occidentali e sud-occidentali del Paese, maggiormente interessate dal flusso turistico,.
    Profilassi raccomandata nelle aree a rischio (OMS): Dossiciclina.

  • TURKMENISTAN
    Non esiste rischio di infezione malarica (negli ultimi due anni sono stati segnalati solo casi importati).
    Non si consiglia profilassi antimalarica.

  • TUVALU
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • UCRAINA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • UGANDA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese, incluse le principali città di Fort Portal, Jinja, Kampala, Mbale e parti di Kigezi.
    Segnalata elevata resistenza di P.falciparum alla Dossiciclina.
    Profilassi raccomandata: Meflochina.

  • UNGHERIA
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • URUGUAY
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • UZBEKISTAN
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • VANUATU
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno in tutto il Paese tranne che nell'Isola di Futuna. Segnalata la presenza di P. falciparum molto resistente alla Dossiciclina ed alla associazione sulfadossina-pirimetamina. Segnalata inoltre resistenza di P. vivax alla Dossiciclina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Clorochina+Proguanile.

  • VENEZUELA
    Basso rischio di infezione malarica, nella forma da P. vivax esiste durante tutto l'anno in alcune aree rurali degli Stati di Amazonas, Apure, Barinas, Bolivar, Sucre e Tachira. Il rischio di infezione malarica da P. falciparum (in rari casi ceppi clorochino-resistenti) è limitato a certe aree forestali degli Stati di Amazonas (Atabapo), Bolivar (Cedeno, Gran Sabana, Sifontes, Raul Leoni e Sucre)e del Delta dell'Amacuro (Antonia Diaz, Casacoima e Pedernales). Profilassi raccomandata (OMS): Clorochina nelle aree a rischio da P. vivax;
    CL+P nelle aree dove esiste rischio di trasmissione di P. falciparum.

  • VIETNAM
    Il rischio di infezione malarica esiste nell'intero Paese, fatta eccezione per i centri urbani, il delta del Fiume Rosso e le pianure costiere a nord di Nha Trang. Il rischio è generalmente più alto sugli altipiani. La maggior parte dei casi è causata dal P. falciparum che nella maggior parte delle aree è fortemente resistente alla clorochina e alla associazione sulfadossina-pirimetamina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • YEMEN
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste tutto l'anno - ma soprattutto da Settembre a Febbraio - in tutto il Paese, tranne Aden e il perimetro aeroportuale.
    Segnalata elevata resistenza alla clorochina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Clorochina+Proguanile.

  • YUGOSLAVIA (ex)
    Non esiste rischio di infezione malarica.

  • ZAMBIA
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste durante tutto l'anno nell'intero Paese. Riportata elevata clorochino-resistenza di P. falciparum.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  • ZIMBABWE
    Il rischio di infezione malarica, principalmente nella forma da P. falciparum, esiste da Novembre a fine Giugno nelle aree site al di sotto dei 1200 mt di altitudine, e tutto l'anno nella valle del fiume Zambesi. Nelle città di Harare e Bulawayo il rischio è pressochè trascurabile. Segnalata elevata resistenza di P.falciparum alla clorochina.
    Profilassi raccomandata (OMS): Meflochina.

  •  
     
     

    Formato PDF Adobe Acrobat  Formato PDF

    Versione stampabile Versione stampa

    Invia per email Invia per email

     
     
     
    Viaggi nei Paesi a rischio malaria?

    Sì, mi è capitato.
    No, ma ci andrò.
    No, non saprei...
    No, meglio evitare!


    [ Risultati | Sondaggi ]

    Voti: 15
    Commenti: 0
     
     
     
  • Edizioni Universitarie Romane
  • Centro Medicina Preventiva e Tropicale

  • Articoli Surf da onda
  • Indice articoli
  • Anteprima articoli
  • Cerca nel sito

    Top in Surf da onda:
    Allenamento » Esercizi di potenziamento muscoli spalle e braccia

  •  
     
     
    9.5
    9.59.59.59.59.5
    Voti: 4

    Esprimi il tuo giudizio
    su questo articolo:

    2
    44
    666
    8888
    1010101010

     
     
    Limite
    I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. SurfReport non è responsabile per il loro contenuto.

    Commenti non abilitati per gli utenti Anonimi, registrati

    Re: Viaggiare sicuri » Come affrontare il rischio Malaria (Voto: 0)
    da teolo il 20/03/2006
    (Info Utente | Invia un Messaggio)
    la miglior prevenzione,a mio parere,è quella di evitare di imbottirsi di tutti quei farmaci veramente nocivi.gli stessi farmaci contengono al loro interno la malaria e non sono tollerati bene da tutti.c'è chi soffre come un cane tipo:nausea,senso di spossamento,vertigini..ecc..e c'è chi non accusa assolutamente niente,dipende dalle persone.
    ovvio dire che il farmaco è nocivo in entrambe i casi.
    prima di intraprendere il mio viaggio per Nias e le Hinako Island,dove è presente la malaria resistente alla clorochina,mi facevo mille paranoie ed ero alquanto inquietato alla sola idea di contrarla.
    mi sono fatto forza e alla fine non ho fatto alcuna profilassi farmacologica.
    ho semplicemente prevenuto le punture delle zanzare.
    ogni sera dopo il surf mi facevo la doccia prima del tramonto,evitavo creme profumate(il profumo attira la zanzare).indossavo pantaloni lunghi,maglia a maniche lunghe,cappellino,ciabatte e calze(tipo crucco in vacanza in romagna) e mi imbrattavo le mani e la zona del collo con un potentissimo repellente.zanzariera-letto d'obbligo per la notte.
    con questo metodo sono stato punto solo 2 volte nell'arco di 1 mese.meno che a rimini d'estate.
    una precisazione doverosa è che non tutte le zanzare sono anofele e quindi portatrici di malaria.
    ricordate che se una zanzara anofela vi punge pur essendo sotto profilassi farmacologica avrete contratto inevitabilmente la malaria.


    Re: Viaggiare sicuri » Come affrontare il rischio Malaria (Voto: 0)
    da pAOlO il 22/03/2006
    (Info Utente | Invia un Messaggio) http://surfreport.it/paolo
    Sono daccordo con te, pure io non ho mai fatto profilassi e ho preferito la prevenzione. L'articolo cmq tratta pure di questo, nel primo paragrafetto. Io ho usato un repellente a base di DEET, gli unici efficaci al 100%, ma putroppo molto tossici. In Italia non so se e dove si possano trovare, però se qualcuno vuole viaggiare in posti a rischio malaria consiglio di procurarse un flacone, i repellenti comuni non danno garanzie. Inoltre interpellerei pure un medico informato su questa malattia, esiste un nuovo farmaco più efficace e meno dannoso. Il problema malaria non va sottovalutato, parlando in giro ho conosciuto un sacco di gente che se l'è beccata, e poi la malaria è come un diamante, è per sempre!

     
    Home · Contattaci · Raccomanda · Guestbook · Accessi  |  WAVE  |  WIND  |  SNOW  |  Top10 · Cerca · Gadgets · Sostieni · Registrati · Logout      
    Meteo Maps Webcam Reports Spots Forum Gallery Articles MySurf Directory Shops Camps Chat Libri News Gruppi Eventi Annunci
     
    Pagina generata in 0.018 sec. - WEB Server: Apache - OS: Linux - CMS: PHPNuke. I contenuti sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons. I siti collegati possono richiedere l'esclusione dal portale. Risoluzione minima consigliata 1280x1024. Sito ottimizzato per Mozilla Firefox
    Supported by CBA 3BMeteo Test paternità SurfReporter LetsGoItaly Directory SitiUtili WebDir Cerca Codici sconto
    Permalink: http://surfreport.it/modules.php?name=News&file=article&sid=103