Anticiclone e niente freddo

Voglio la neve!
Almeno facesse le onde...
Odio il freddo.
Prendo quel che viene.



Risultati
Sondaggi

Voti: 257
Commenti: 1
 
 
0
    
   Storie » il deserto orientale...  
 
Pubblicato Venerdì 18 Settembre 2009 da willycuba
 
 

Di tutto...

...gia' dall'oblo' dell'aereo vedi una lunga , immensa , interminabile distesa di colore begie, con a tratti qualche punta di grigio scuro....le rocce.....e' come se si muovesse, come se un serpente che si muove sinuoso appena sotto un pelo della superficie di sabbia e sassi, formando curve e curve che si susseguono...senza mai affiorare con la testa sopra la sabbia...a vedere cosi' dall'alto dopo un po' viene il mal di testa...con una domanda martellante 'ma quando finisce ?'



........poi ci metti piede...il caldo e' talmente secco che ti si seccano le pupille, un leggero vento ti sembra che porti sollievo ma....e' come un phon perennemente acceso addosso a te..........

il sahara orientale, a differenza di quello occidentale , e' un deserto roccioso, la sabbia sono i sasseti sbriciolati dal vento, che a volte partono già da dopo il cairo per arrivare fino al sudan : 1700 km di deserto....mi trovo nei pressi di marsa alam, uno degli ultimi avamposti civili prima del sudan...prima e dopo ...il nulla...a prima vista sembrerebbe cosi', ma in realtà in mezzo a quella lunga distesa quasi immobile, senza un rumore di alcun genere, si nasconde la vita...

...il deserto e' pericoloso quanto affascinante : non sai mai cosa puoi trovare dopo una duna o collinetta, e più ti spingi con lo sguardo verso l'orizzonte e più ti viene da chiederti 'cosa ci sarà laggiù?'...con un impulso irrefrenabile a partire e solcare tutta quella immensità di solitudine...ad est il mar rosso, ad ovest ...sabbia ...sabbia ...sabbia e ...

...a volte , in prossimità di punti rocciosi, spunta qualche mangrovia , a volte incontri qualche baracca rettangolare, poi all'improvviso, dal nulla , ecco uscire da dietro una collinetta un gruppetto spelacchiato di capre scure e nere, con 2 o 3 donne , rigorosamente tutte coperte , che ne fanno custodia....e ti viene da chiedere 'ma da dove sono sbucate' ma cosi' come sono comparse, scompaiono, e dopo qualche metro ti sembra di stare lontano chilometri dal punto in cui le hai incontrate...il caldo intanto ti arde la gola, e il respiro, il cielo a volte , per la rifrazione su tutta quella distesa, sembra sbiancarsi...e pure mi attanaglia sempre quello stesso desiderio, quella stessa domanda 'cosa c'è laggiu' ? '

...il deserto ti porta a pensare...a riflettere, su tante cose ...e su te stesso, e parlando con Salim, una guida , il deserto e' quello su cui si impernia tutta la vita , l' esistenza del popolo egiziano di li'.......il deserto rappresenta il sacrificio, ma quando incontri un'oasi trovi la gioia e la ricompensa a quel sacrificio...e' strano vedere come loro vivono, cosi' differente dall'essere occidentale , da come viviamo noi ...e pensare che stanno appena a 3 ore di volo da qui....

...quello che mi e' rimasto dentro e' il suono del silenzio, intervallato di tanto in tanto da qualche leggera folata di vento, che li' si annusa, perché ti inebria le narici di qualche granellino finissimo di sabbia.......credo che vale la pena di ritornarci, e' stata la prima volta che mi attraevano piu' le immense onde di sabbia che quelle del mare ...

...ogni tanto, verso il tramonto, in certi punti, se ti concentri, senti una leggera musica, sempre trasportata dal vento...come quando si lasciava accesa una vecchia radio a transistor che quasi parlava a bassa voce perché si stavano esaurendo le batterie : sono le preghiere che provengono da un minareto, che bianchi si innalzano verso il cielo...specie il venerdì...

...il deserto sembra vuoto, quando lo vedi la prima volta , ma poi ....quando lo impari a conoscere , quando passi tanto tempo a scavare con lo sguardo tutta quella distesa immensa , ti sembra di poter guardare dentro di te...

...un giorno riporterò Melly e Lucrezia a passeggio tra quelle interminabili dune, un po' infuocate, per poi arrivare con i piedi in mezzo al mare...e poi se giro lo sguardo verso l'interno Lucrezia, come al solito, mi dira' 'papa'...perché guardi la' ?...cosa hai visto ?...cosa c'è laggiu? '


 
 
 

Formato PDF Adobe Acrobat  Formato PDF

Versione stampabile Versione stampa

Invia per email Invia per email

 
 
 


  • Articoli Di tutto...
  • Indice articoli
  • Anteprima articoli
  • Cerca nel sito

    Top in Di tutto...:
    Viaggiare con la tavola » Comparazione compagnie aeree per il surfista

  •  
     
     
    0

    Voti: 0

    Esprimi il tuo giudizio
    su questo articolo:

    2
    44
    666
    8888
    1010101010

     
     
    Limite
    I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. SurfReport non è responsabile per il loro contenuto.

    Commenti non abilitati per gli utenti Anonimi, registrati

     
    Home · Contattaci · Raccomanda · Guestbook · Accessi  |  WAVE  |  WIND  |  SNOW  |  Top10 · Cerca · Gadgets · Sostieni · Registrati · Logout      
    Meteo Maps Webcam Reports Spots Forum Gallery Articles MySurf Directory Shops Camps Chat Libri News Gruppi Eventi Annunci
     
    Pagina generata in 0.007 sec. - WEB Server: Apache - OS: Linux - CMS: PHPNuke. I contenuti sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons. I siti collegati possono richiedere l'esclusione dal portale. Risoluzione minima consigliata 1280x1024. Sito ottimizzato per Mozilla Firefox
    Supported by CBA 3BMeteo Test paternità SurfReporter LetsGoItaly Directory SitiUtili WebDir Cerca Codici sconto
    Permalink: http://surfreport.it/modules.php?name=News&file=article&sid=193