Anticiclone e niente freddo

Voglio la neve!
Almeno facesse le onde...
Odio il freddo.
Prendo quel che viene.



Risultati
Sondaggi

Voti: 230
Commenti: 1
 
 
0
    
   Mentawai Overland » La verità su come andare via terra  
 
Pubblicato Giovedì 14 Settembre 2006 da melri
 
 

Surf da onda
Si puo fare. E' la prima cosa da dire... E' da fare forse. Se la spesa per un boat-trip alle Mentawai si aggira oramai su non meno di 2000 euro per 10 giorni (trasferimenti esclusi) è seriamente da prendere in considerazione l'idea di mettersi lì con calma e girarsi tutte le isole per gli affari propri con tutti i problemi e i vantaggi (forse) che ne derivano.

Download versione completa in formato PDF


Mappa generale arcipelago MentawaiLa base deve essere a mio avviso Bali. Dopo magari un inverno di fiacca grassi, ubriachi e fuori forma... forse una settimanina a Bali giusto per riprendere un po la mano ci vuole. Altrimenti contenti tutti si parte da Padang West Sumatra.
Da Bali a Padang ci sono 2 voli al giorno, uno alle 8 e uno alle 10 operati da varie compagnie. Noi abbiamo volato con Adam Air. Il costo del biglietto andata e ritorno va da 150 a 200 euro dipende dal periodo e da quanto prima lo si prenota. C'è uno scalo a Jakarta, ma si rimane sullo stesso volo. Dopo circa 4 ore in tutto si e nello splendore piu magnifico di Padang.
Città caotica Islam dentro fa caldo piove spesso la gente ti guarda male e non ti saluta. Si va in giro osservati tutto il tempo.... La destinazione da dare al transport dall'aeroporto è Muara Padang, che vorrebbe dire porto. Costa 90000 rupie.
Ah, a Padang nessuno parla inglese...
Il porto è in realta una fogna a cielo aperto alla foce di un fiume dove partono i ferry boat per le Mentawai. Li riconosci perche sono i classici traghetti su cui non vorresti mai viaggiare: barconi di legno piatti prua alta.
Il biglietto del ferry si compra in un ufficio (kantor) dietro il porto... conviene farcisi portare da uno li dei marinai.
Ce un ferry boat ogni giorno per un isola diversa (sono in 3 in tutto) esclusa la domenica. Il costo del biglietto è di 100000 rupie per la comoda cuccetta.... c'è anche il comodo ponte coperto ma non è consigliabile ad un utente civilizzato.

Ci sono tre modi per raggiungere le Mentawai con questi traghetti. Si può arrivare a:
  • Sikakap - Pagai Utara la piu meridionale delle isole con spot Maccaroni's Thunders Rags etc
  • Tua Pejat - Pagai Sipura l'isola di mezzo con spot lance's left, right (hollow trees), telescopes etc
  • Muarasiberut o Karangmajat - Pagai Siberut dove ce Playgrounds kandui etc.
    Mappa surf spot Mentawai

    Parlero prima di Sikakap e Macca's e perche ora mi trovo qua... e poi finiro questo racconto con Siberut magari dettagliando anche le info per i ferryboat quando ci saro stato tra pochi giorni.
    Si viaggia di notte e ci vogliono generalmente una 12 ore buone.... per Pagai Utara anche qualcosina di piu se ce mare mosso, ...... si balla da morire e non ce niente da comprare/fare quindi comprate da mangiare a Padang e da bere e inventatevi qualcosa da fare...
    All'arrivo a Sikakap l'orda di molestatori al porto non è delle peggiori e ce la si cava con un transport per sole 3k rupie a uno degli alberghi della rinomata cittadina di villeggiatura sikakap che altro non è che la versione mentawai della cambogia piu profonda. Gli alberghi sono 2: Wisma Bagindo e Wisma Lestari. Costano piu o meno uguali: sui 100000 rupie a notte la stanza. si contratta un attimo e si arriva tranquillamente a 70000 per la king-size suite con bagno ensuite...
    La qualita è scandalosa. Siamo forse sotto i livelli del suka e del beneyasa di bali.... Lampadine da 20 watt e fogna a cielo aperto come bagno comune (ma non e il nostro caso se abbiamo preso la lussuosa suite)
    La gente a prima vista puo sembrare pericolosa o antipatica, ma non è cosi, in realta non sono solo abituati a vedere turisti... noi siamo gli unici 2 in città, ma dopo un po ci fanno l'occhio e non è poi cosi male.
    Nessuno parla inglese come sempre. E' consigliabile anche comprarsi una zanzariera a padang.... anche se tutti assicurano che non ce malaria qua... in effetti zanzare non ce ne sono molte... pero vorrei poter dire lo stesso quando sarò sano e salvo in italia.
    Il tempo è pessimo. piove spesso e tanto.. non e raro trovarsi nel bel mezzo di un uragano nel cuore della notte o del giorno... ma nessuno pare farci caso... sembra la prassi.. la vita scorre normalmente anche sotto il peggiore degli acquazzoni mai immaginabile.
    Il surf:
    Ci sarà qualcosa di buono allora? E' beh alla fine arriva il surf cazzo. Ma non è cosi facile andare a surfare come sembra. bisogna prima di tutto contrattare con il barcaiolo. Chiede una cifra esagerata: 1 milione di rupie per portarti a maccaroni's.... e in effetti tutti i torti non ha... sono 2 orette di cambogia in una barca che non ha Dio. Mettici anche il mare grosso (sempre) e il cingalese che deve tirare via la molta acqua imbarcata durante il viaggio con una sagola ricavata dal pieno di una tanica di benzina... e allora un milione è pure poco. Si contratta comunque si arriva senza problemi a 700000 rupie (che in 2 sono 30 euro a testa e in 4 15 euro)
    noi per una fortuita serie di combinazioni e conoscenze siamo arrivati a pagare 500000 rupie per il passaggio. ma siamo stati 2 gorni di fila e non è stata dura... ma molto, molto di piu: roba di discussioni a cena per il prezzo interlocutori che provavano a fare da interpreti improvvisati etc.
    Si parte alla mattina presto o comunque quando lo decidi tu. La normalità è che piova incessantemente e sulle prime pensi che non è il caso... ma quando vedi che in realta tutti stanno facendo le cose che fanno tutti i giorni senza troppo dare peso alle condizioni metereologiche ti metti il cuore in pace e ti butti sulla speed-boat.
    Se proprio diluviasse puoi sempre farti dare il comodo telone di gucci che è in comodato d'uso con la barchetta.
    Il primo pezzo nella laguna toglie il fiato. paesaggi incredibile in mezzo alle isolette di mangrovie e spiaggie bianche con palme vergini dove nessuno probabilmente ha mai messo piede. Poi viene la parte bella.... un ora secca sulla parte piu esposta dell isola dove ti cucchi 10 mila chilometri di fetch di oceano indiano con una barca larga quanto le tue spalle.... i barcaioli non a caso sono dei mezzi manici e non hanno problemi anche con condizioni di mare molto avverso e vento.
    Si arriva a Maccaroni's... ce l'hai fatta. lo riconosci perche ci sono ormeggiati davanti l'indies trader 1, 2, 3 adventures komodo, Naga Laut e ci sono in acqua 50 brasiliani. Scherzo. ci sarà ormeggiata una o 2 barche e un po di gente in acqua ma questo è davvero l'ultimo dei problemi. le onde ci sono per tutti e sono tante. Macca's è davvero consistent. è molto esposto. tiene tutte le misure di mareggiata. mi sentirei di dire che è una matematica certezza andare a surfare a macca's.
    L'onda è come te la immaginavi. Una sinistra bella lunga e facile. E' impossibile che chiuda. si srotola lungo una lingua verticale lungo il reef addosso al promontorio. C'è l'albero mezzo morto sul reef che hai visto in tutti i filmini di surf, c'è il pro di turno che ci spara i soliti 10 secondi di tubo e quando prendi la tua onda ti senti un re.
    L'acqua è calda. ma non calda che stai 2 orette e poi hai freddo, calda sul serio... non esci dall' acqua perche hai freddo, esci perche hai fame o non riesci piu a muovere le braccia.
    A macca's puoi prendere tranquillamente le onde piu lunghe della tua vita se non sei stato a chicama o desert point
    Il bello è che sono veramente facili... la partenza facile poi un paio di sezioni tubanti, ma non tipo bingin, tubi che si fanno da soli basta abbassarsi un attimo e rallentare in grab. Il reef è tranquillo. niente coralli a forma di coltello o buchi con lame dentro... si surfa senza calzari.
    Anche se ce gente le onde si riescono a prendere... lo garantisco perche in acqua la totalità delle persone è brasiliana e che va... e di solito sono i peggiori.... ma qua non abbiamo avuto il benche minimo problema... precedenze non precedenze e stop.
    Esci dall'acqua quando non ce la fai piu... se il barcaiolo cingalese non si è dimenticato di te, o non si è addormentato e non ha capito un cazzo di satu, dua o tiga jam di tempo in cui dovevi stare in mare.
    Se proprio non ce la dovessi piu fare puoi chiedere a uno dei gommoni del resort di portarti fino al pontile e poi lo vai a recuperare con calma.
    Il Maccaroni resort.
    Una cattedrale nel deserto. Non nel senso che è inutile, ma nel senso che è uno spillo di civiltà e lusso nel bel mezzo della giungla.
    Dico subito il costo cosi almeno non vi fate strane idee: 140 dollari al giorno: 10 giorni 1400 dollari. Questo è il pacchetto trasferimenti ed extra esclusi.
    E' interamente costruito dentro la laguna ci sono un po di bungalow extra lusso con air con e internet in ogni stanza.
    Nel ristorante servono cibo che sembra un miraggio per le mentawaii.... siamo riusciti a trovare anche gli spaghetti alla carbonara! e non erano neanche cosi male.
    Chiunque puo andare al resort e mangiare e dire 2 cazzate con i brasiliani di turno, dico brasiliani, perche il 100% della clientela del resort è composta da brasiliani appunto.
    Mangiare (maccan) costa 100000 a buffet. se gli dici che sei italiano e che conosci kent (il proprietario) ti fa 70000 pero poi se non conosci kent devi stare all occhio che non sia in giro, , , , è un tipo biondo australiano.. noi lo abbiamo conosciuto li!
    Qua parlano inglese e se non sei proprio coglione come noi che siamo venuti qua senza neanche una minima idea delle isole e degli spot e senza neanche uno straccio di dizionario inglese-indonesiano, puoi recuperare preziose informazioni sulle isole, sugli spot, e per tutto il resto.
    Se vuoi torni in mare ancora un' oretta, altrimenti ti rifai queste 2 orette in yacht per tornare a sikakap.
    Ci sarebbe una cittadina vicino a macca's si chiama Silabu.... ma tutti garantiscono che non ci sono homestay o warung... però non essendoci mai stato non posso sapere, non sarebbe male... silabu è a 5 minuti di barca da macca's
    Giorno buttato a Sikakap.
    se aveste la superba fortuna di non riuscire a mettervi daccordo con il capitano del battello per lo spostamento Sikakap-Tua Pejat e sbagliare quindi clamorosamente il giorno della partenza buttando via una giornata di surf a Macca, allora state molto attenti nel leggere quanto segue.
    Cosa fare a Sikakap se non si va a surfare? bisogna inventarsi qualcosa perche la citta non offre assolutamente niente e i vari albergatori scuotono la testa e aprono le braccia quando gli si chiede se ce da fare qualcosa.
    Si puo prendere un motorino in affitto per la modica cifra di 10000 rupie all'ora (10000 rupia / Jam) pero non ce molto da vedere in giro se non giungla vergine e la strada è un sentierino perennemente imbrattato dai frequenti acquazzoni,
    Bisogna convincere il barcaiolo a farsi portare aggratis in giro per le isolette circostanti la laguna. Il fatto è che queste isolette sono davvero meravigliose, ma i locali non hanno idea che magari un turista ha voglia di andare alla spiaggia o nuotare o magari farsi solo un giro in barca, infatti non si capacitano del perche siamo tutti cosi contenti quando ci mollano nella prima di 2000 spiaggette con sabbia bianca conchiglie da 50 euro alle bancarelle e palme sulla spiaggia o mangrovie o barriera corallina che sia.
    Siccome per il barcaiolo d'ordinanza è una mesta vergogna portarvi cosi vicino, vi affida ai primi scappati di casa che pesca sulla strada, di solito ragazzini che ciondolano nei paraggi.. si contratta (al max chiede 30000, ma poi non glieli dai) e poi si parte. Al pilota non gli sembra vero di avere una speed boat per fare il coglione in giro allora va come un matto imbarca acqua e tra un po si cappotta non curante che io in grembo tengo la macchina fotografica che vale quanto tutta la sua vita di lavoro. Dopo due schiaffi si ripiglia e va piu piano. Ci molla nella spiaggia. Non si possono descrivere. son tutte diverse e tutte bellissime non ce un metro di paragone con quello a cui accostiamo l'idea di balneazione....
    Il mercato del pesce.
    Il ragazzino dice a un tratto fresh ikam e indica una casa galleggiante antistante l'atollo che stiamo circumnavigando per tornare a casa.. penso un attimo ai menu del night seafood market di bali e mi rendo conto che ikam scritto tra parentesi dopo Fish voleva dire pesce. Ci fermiamo ovviamente.
    Mai vista ne immaginata una cosa del genere. Sotto la casa galleggiante un allevamento, se cosi si puo dire di pesce, aragoste, granchi, tutto quello che vuoi... il prezzo? non ne hanno idea manco loro... si fa tutto a spanne. questi pescano e allevano per conto del loro padrone di singapore e non hanno penso mai visto un cristiano in carne ed ossa.
    Ci facciamo dare 4 Garope (quella specie di cernia maculata) e 11 aragoste... ma non 11 per esagerare, undici di numero.. piccoline, ma undici... per un totale di 3 kili di aragoste e 3 kili di pesce. Al momento del prezzo scena muta. non sanno quanto chiedere e noi quanto dare. A bali, a jimbaran le aragoste vive te le spacciano a 300000 rupie al kilo, che poi si arriva anche a 200000, allora proviamo a dirgli 100000 al chilo... sto qua strabuzza gli occhi come se avesse vinto la lotteria. aggiungiamo che stiamo ovviamente scherzando. gli diamo 200000 per tutto e ce ne andiamo col bottino,
    Al rientro all albergo pareva che tutti fossero altoatesini... nessuno aveva mai visto un pesce vivo e tantomeno un'aragosta (udan)... ma il vero cinema con tanto ci capannello dietro e gente che telefonava per raccontarlo è stato quando ci mangiamo 3 delle 11 aragoste ancora vive con un po di limone come aperitivo... Le aragoste che si mangiano a jimbaran non sono buone come le nostre mediterranee, ma vi assicuro che quelle li ancora con la coda con su il limone che si muoveva in bocca erano qualcosa di eccezionale.
    Vi consiglio di cucinare voi perche non hanno bene la cognizione della cucina del pesce fresco. vi fate dare una bakar (griglia) e una pentola per bollire (non so come si dice ma glielo dici a gesti, o semplicemente te la prendi) e ti cominci a fare grigliata e aragoste bollite. Non sto a descrivere la cena. Però alle 8 eravamo gia pieni e ubriachi di bintang, contravvenendo a fioretto di non bere per il surftrip... ma chissenefrega.
    Ma non era un surftrip?
    L'indomani si parte per Tua-Pejat finalmente Sipora... di la dovremmo prendere una speed-boat per karamangjet e infine arrivare a playground. Si viaggia di giorno. I battelli partono di mercoledi e sabato mattina alle 9 e la cuccetta costa 52k. la consiglio perche altrimenti è la solita cambogia... e sono 10 ore di viaggio. Comprare acqua e qualcosa da mangiare anche se ne fanno sul battello... le classiche pop-mie e nasi campur.
    Il viaggio non finisce piu oltretutto si ferma in molte spiagge per dare rifornimenti di riso e altre cazzate in giro per le menta..... cuore in pace e via
    Tua Pejat
    Molto meglio di quel che sembra una volta scesi dal battello. E' piu' piccola di sikakap, ma la gente è abituata a vedere bianchi in giro perchè molte barche si fermano qua la notte prima di andare a playgrounds.
    Si trova da dormire in uno dei due Wisma (Christie e Bintang) la camera costa 50000 senza air con e 100000 con air con e ci si dorme in 3. Ci si arriva a piedi direttamente dal porto. Tua Pejat è anche punto di partenza per surfare Telescopes che è a soli 20 minuti di speed boat. Qua qualcuno parla inglese e ha anche una vaga idea del surf. Per informazioni generali e per trovare un barcaiolo che ti porti in giro chiedi di Wewe il lifeguard e tutti lo conoscono. Noi lo abbiamo trovato e ci ha dato i giusti consigli, salvo poi non averli seguiti... ma vedi la parte seguente.
    La contrattazione per la barca procede secondo canoni ben prestabiliti ai quali non ci si puo sottrarre secondo la tradizione islamica immagino. ovvero prendono la cosa molto seriamente molto piu del necessario. ci si siede, si prende da bere, ti offrono da fumare... una cosa lunga... alla fine dopo molti alza siedi vai via no-no se ne viene a capo. Da quello che ho capito un giusto prezzo per andare da Tua-Pejat fino a Karamajet (che sarebbe kandui) è di circa 700000 rupie. Si comincia da 1. 500000 rupie e si scende inesorabilmente.
    Hanno ragione in realtà a chiedere cosi tanto. con la speed boat non si puo fare, ci vuole una barca un po piu grossa perchè il tratto di oceano esposto da percorrere è davvero grande e le onde sono spesso e volentieri belle grosse. senza contare il vento e gli spruzzi.... meglio stare al coperto quindi
    Playgrounds... o quello che doveva essere the ultimate surf destination
    Si parte all'alba alle 6 dal porto. la barca va tanto piano che sembra di andare indietro. il capitano e il mozzo ci sanno davvero fare. in certi momenti si ha davvero paura. non si vede nulla davanti ne dietro e ne cavo certe onde superano anche di 4 metri la barca.... nsomma preghiere... anche perche gps, vhf, telefoni satellitari o dotazioni di sicurezza... X (si legge ics).
    L'arrivo a kandui è quantomeno meraviglioso... le 3 isolette piatte di sabbia bianca i 2 atolli di Four Bobs.. No-kandui, rifles.... è tutto li non si sbaglia. Nessuno in mare. ottimo. peccato che il vento da sud rovini la maggiorparte degli spot, che restano comunque fantastici per i nostri standard. Rifles è troppo esposto no-kandui è surfabile, ma bisogna essere mick fanning. rimane four bobs e burgerworld (credo che si chiami ma nn sono sicuro) in cui invece il vento entra di terra. Evviva!
    Ma il problema non è questo. Andiamo dove credevamo ci fossero gli home-stay e le accomodation e scopriamo che è il deserto dei tartari. no problem c'è la floating house, la casetta galleggiante, dove ci sono 4 canarioti che ci spiegano un po la situazione: il portatevi da bere e da mangiare che ci aveva detto la sera prima il carissimo amico a tua-pejat non era riferito al viaggio..... ma a tutto il periodo di permanenza a siberut poichè non c'è niente da mangiare e non c'è verso di trovarne, e non c'è nessuno ma niente di niente... solo giungla e isole deserte. C'è il kandui resort.... si va bene... vogliono 250 $ a notte e non si puo entrare per andare a mangiare come a maccas.
    Presi un po male proviamo a buttarci nella zona di nyang-nyang dove c'è e-bay e pit-stop..... altra contrattazione... altre madonne, ...... per 200000 ci porta dietro il promontorio di siberut dove c'è nyang-nyang... là sicuramente ci saranno dei warung dove si puo comprare da mangiare....
    Come non detto. anche li si trova da dormire ok (sempre di cambogia si tratta) ma niente cibo. e bisogna andare a muarasiberut a comprarlo (a 500000 e 3 ore di speedboat da li)
    In piu tutti si lamentano di questo maledetto vento da sud che rovina tutti gli spot... e di questo periodo dovrebbe essere da est o almeno sud est. Pazienza. Rimuginiamo un po sul dafarsi.... piccola session sulla destra di pit-stop (in 4 in mare) raccogliamo ulteriori informazioni (sempre pessime notizie) tipo che da muarasiberut i battelli partono un po si un po no, ci sono problemi perche non ci sono abbastanza speedboat in giro etc.
    Optiamo infine con amarezza per tornare indietro a tuapejat con i pescatori... anche perchè non avremmo abbastanza soldi per rimanere li e andare avanti e indietro con le barchette (sono botte di 200000 rupie almeno... e in 2 non si ammortizzano una ceppa)
    Cacciamo sti altri 700000 e torniamo indietro mestamente lasciandoci alle spalle il parco dei divertimenti del surf.
    L'impressione è questa: il potenziale è assolutamente impensabile.... ma le condizioni onestamente me le aspettavo meglio..... parlando con i ragazzi canarioti li da 2 settimane è venuto fuori che alla fine gli spot di kandui sono stati buoni solo 2 (DUE?!?!?!) giorni in 2 settimane..... io gia intonavo woman dei wolfmother pensando a rifles.... (che è capricciosissima a quanto pare) bisogna ripiegare sulla zona di nyang-nyang che invece non è esposta... ma c'è anche meno onda e non sono certo le onde della madonna di kandui.
    Il lato positivo è che non c'è veramente nessuno e gli spot sono infiniti... ma non so se è sempre cosi.
    A quanto pare adesso tutte le barche in circolazione sono a HT e a maccaroni perche anche se ce vento l'onda rimane impeccabile.
    Epilogo?
    Cosa fare adesso? l'idea era quella di tornare al piu presto a padang e farsi anticipare il volo per bali anche perche i soldi sono finiti e non si puo prelevare ne cambiare... ma dobbiamo aspettare almeno un giorno. Ci proveremo telescopes... per tirarci un po su d'animo.
    Ah nota felice. Tristi e sconsolati decidiamo di fare un bagno proprio qua nella città di tua-pejat che è un porto in realtà... facciamo 100 metri, usciamo dalla strada principale, passata la moschea, passata la chiesa pentecostale, finite le case. Una spiaggia bianchissima, palme e noci di cocco, acqua piatta limpidissima, tramonto infuocato. Si gode. almeno il posto ci ha messo una pezza.
    Telescopes
    Si parte con la solita contrattazione. 300000 come? bankrupt.... si arriva subito a 150000 senza perdere troppo tempo.
    La speed-boat è la peggiore che ci sia mai capitata durante il trip. c'è pure una vasca centrale piena d'acqua per il pescato. Il motore da 15 cavalli rappetta si spegne ma ci porta fino a destinazione. 20 minuti e siamo sullo spot. ci sono 2 barche, ma la gente in acqua è poca. si contano con una mano. Le onde a prima vista non sono proprio come quelle viste nelle foto. E' piccolo, ma almeno è glassy. Sui set piu grossi si vede finalmente il potenziale dell'onda. quando il set supera i 2 metri non si parte piu nella zona inside ma l'onda rompe tutta oustide sul reef geometricamente perfetto regalando una sinistra molto lunga rippabilissima, facilissima, con una sezione tubante proprio nel mezzo.
    Le onde si prendono non c'è problema.... ce ne sono per tutti. niente calzari. l'acqua è incredibile. i coralli vivi multicolore deliziano la vista mentre surfi. Una sola cosa anomala: la corrente che invece di spingere outside come dappertutto, spinge inside quindi nel rientrare bisogna puntare un po piu fuori altrimenti si è sempre in mezzo alle palle a fare mille duckdive.
    Si torna indietro al tramonto al solito sfiniti. Nel prezzo per la speedboat ci facciamo includere un paio di bei tonnetti e con l'acquolina in bocca ci dirigiamo sulla bella spiaggia dell'altro giorno per farceli alla brace. Cosa che si rivelerà del tutto vana, perche in tempo zero si forma il solito capannello di persone diciotto per la precisione (contati) di cui 15 bambini che urlano, un ragazzo decide che farà la brace per noi, un altro che pulisce il pesce e lo sistema nella griglia, se ci azzardiamo a fare qualcosa partono subito i battibecchi. Amen.... volevamo farci un po i cazzi nostri ma niente. Perfino mentre ci mangiamo i pesci appartati un po piu in la sulla spiaggia arriva il solito cagacazzi si siede comincia a parlarti in un inglese tutto suo. La serata si conclude nel wisma con i soliti mie goreng. Problema del giorno: siccome a padang c'è brutto tempo non è partito il battello.. azz qua la situazione del ritorno si fa sempre piu brutta... e i soldi sono quasi finiti davvero.
    Telescopes again (alone)
    Sveglia con calma, giro per il porto per vedere se per caso ci fosse una barca che va a padang... niente. oramai sappiamo a memoria la frase da dire : besok pagi abu abu padang (domani mattina barca per padang) tutti chiaramente ti sorridono da orecchio a orecchio e ti dicono yes yes... pero poi barche io non ne ho ancora viste.
    C'è un australiano appena arrivato con il mentawai express, indeciso sul da farsi. lo rincuoriamo sulla bontà del luogo e decide di fermarsi.... non appena si rende conto della verità telefona al capitano della barca che ha appena mandato a rubare gli giura che pagherà i 2050 US dollar e fra un paio di giorni lo verranno a prendere.
    Ha una bella mappa delle mentawai... e finalmente ci facciamo una chiara idea della morfologia del posto. Cerchiamo una speed boat per andare a surfare ma sono tutte fuori a pescare. pazienza tanto è il giorno in assoluto piu ventoso di tutta la settimana.
    Verso le 15 il vento molla e decidiamo di andare. Stavolta in motozzappa. Il motorino (con pilota) fino alla cittadina dinanzi allo spot costa 15k andata e ritorno (conviene fargli dire da qualcuno che sa almeno contare in inglese a che ora farti venire a prendere altrimenti ti ci dimenticano) ci vuole un quarto d'ora, si attraversano una bella valle mozzafiato con risaie, un palmeto e infine si corre lungo la spiaggia bianchissima di telescopes.
    Averlo saputo prima ci andavamo tutti i giorni dalla mattina.
    Si posteggia dove c'è un surfcamp che non ha mai aperto perche gli hanno negato le autorizzazioni. si cammina 20 minuti fino alla punta su una delle piu belle spiagge mai viste qua in indo. Mangrovie, palme e alberi. una laguna senza dio, un bagno è d'obbligo. domani porto la macchina fotografica perchè è un peccato non immortalarla.
    dalla punta allo spot sono altri 20 minuti di paddling. C'è un po di vento, la swell è piccola, ma in compenso non c'è anima viva, ne barche ne pescatori.. niente di niente.
    Sui set le onde sono davvero belle. soliti 2 metri rippabilissimi e perfetti. acqua a 30 gradi. nessuno in mare. finalmente un po di paradiso mentawai tocca pure a noi. man mano che si avvicina il tramonto il vento molla del tutto e diventa bello bello glassy. Niente tubi però... è troppo piccolo. si torna a icasa dopo un'ora tra camminata nuotata e motorino. Anche al ritorno la passeggiata sulla spiaggia regala davvero emozioni. Li capisci che ne è valsa la pena di venire fin qua. anche solo per il posto. E' deciso: domani tutto il giorno li.
    Last day in mentawai
    Come era logico aspettarsi è l'ultimo giorno quello delle rivelazioni: conosciamo dalla mattina un ragazzo locale che lavora al mentawai resort di katiet come surf guide. Parla un ottimo inglese e ha tutte le informazioni che abbiamo così disperatamente e inutilmente cercato per 10 giorni.
    La base di partenza doveva quindi essere muarasiberut. La città è molto piu aperta delle altre 2 capitali delle isolette. Tutti la parlano inglese e si trovano sia rifornimenti di cibo che i tanto agognati boat trip fai da te, quelli che paghi il capitano e una guida e ti portano in giro per quanti giorni vuoi su e giu per le menta.
    Anche katiet (home spot di HT's e lance's) pare che sia molto meglio organizzata e non wild wild. pare ci sia un homestay da 30000 al giorno dove ti danno anche da mangiare (sempre pieno) e adesso a fine estate apre un nuovo resort di lusso da 250 $ a notte.
    Nel frattempo la Ambu-Ambu che ci dovrà portare la sera a padang è arrivata. E' semplicemente meravigliosa: un gioiello della tecnologia moderna, la perla della flotta indonesiana. Senz'altro l'estratto di civiltà più elevato che vediamo in 10 giorni. E' una grossa nave di ferro tipo tirrenia con stiva per automobili ponte economico, ponte vip e cabine extra luxury da 250000 rupie a cranio. Facciamo un giro di ricognizione la mattina e non possiamo certo fare a meno di congratularci con il capitano e la crew e renderli consapevoli di quanto siamo onorati nel poter navigare su cotanto splendore.
    Ultra milk e tango al cioccolato al volo e siamo sul motorino diretti a madepegat per telescopes. quest'oggi con la macchina fotografica.
    Condizioni di vento stranamente favorevoli: dapprima glassy e poi addirittura di terra. Swell piccola. sul metro italiano. nessuna barca in vista, nessun avventore a piedi. 20 minuti di nuoto. lineup. da solo (perche tommy ha mal di testa ed è rimasto nell ottimo shelter a prova di tsunami appena costruito con palme e bambù) solite belle onde infinite e facili. vista mozzafiato durante la surfata sul reef multicolor anche grazie alla bassa marea. solita onda, non sto a ripetere.
    Rientro a casa. Si paga il conto dell albergo (4 cene per 2 persone 50000 rupie.... ma forse si sono sbagliati) e finalmente si sale a bordo dell'ambu ambu con una soddisfazione è un orgoglio tutto made in mentawai.
    Domani padang... al telefono ci hanno detto che i voli per bali sono tutti pieni... speriamo in un non show-up all'ultimo... altrimenti ci compreremo un biglietto con un'altra compagnia... 2 giorni e 2 notti a padang sono duri da digerire....
    Considerazioni:
    Il viaggio è piu avventura che surftrip in realtà. parlando con tutti mi hanno detto che in luglio agosto e settmebre le condizioni soprattutto di vento non sono quasi mai ideali (soprattutto dopo lo tzunami, ma sinceramente non vedo nessuna connessione con il meteo). i mesi migliori sono marzo, aprile e maggio
    Il vero problema comunque per affrontare il posto via terra è il muoversi sia da un'isola all'altra che dalla location ai vari surfspot. l'ideale è essere in 4 cosi si ammortizzano molto bene le spese.
    Non venire se ti prendi male al primo problema, se ti spaventano le condizioni igieniche (scandalose ovunque), se ti perdi d'animo al primo giorno senza surfare, se devi mangiare 3 volte al giorno e bene.
    I posti che vedrai qua te li scordi per conto mio anche alle maldive seychelles mauritius o sardegna che sia. Lo standard è natura incontaminata vergine ovunque. La gente e la civilizzazione qua non hanno ancora attecchito per bene.
    Cosa portarsi: davvero poco e niente. un paio di magliette (una a maniche lunghe) 2 costumi, calzari (anche se non li ho mai usati) occhiali, creme, asciugamano, il cellulare (funziona solo telkomsel, noi chiaramente avevamo mentari indosat e ce lo siamo presi nello stoppino), medicine, llariam, zanzariera. un dizionario indonesiano-inglese (indispensabile e noi non lo avevamo)
    Tavole: 2 tavole, ma non perche bisogna girare col quiver... sai una lunga una corta una pin tail con le pinnette cosi e cosà... semplicemente perche se ne spacchi una almeno usi l'altra.... e se qua non surfi non so davvero cosa ci sei venuto a fare..... Se vuoi portarti il gun... pero devi portarti anche i coglioni... con le condizioni che abbiamo trovato noi forse era meglio un long!
    Se ti fai male sono cazzi. bisogna che vai in un resort di lusso.... nelle cittadine qua non c'è nessun tipo di assistenza sanitaria tantomeno farmacie.
    Se spacchi la tavola o la ripari da te o si va di grey-tape.
    La gente alla finfine è brava e aperta per essere isolani e quarto mondo.
    Nelle città come tuapejat e sikakap c'è corrente elettrica e telefono e funzionano i cellulari, nel resto delle isole niente. forse a katiet, ma non so per i cellu.
    In ogni paesino o città che sia c'è moschea, chiesa cattolica, protestante e pentecostale. non ci sono conflitti locali di nessun genere e in linea di massima fai quello che vuoi senza che nessuno se ne curi. solo magari i muslim ti guardano un po storto se vai in giro senza maglietta...
    Cibo: se hai in mente di stare a siberut a playground io consiglierei di farlo come prima cosa e comprare tutto a padang che si spende molto meno: un gallone d'acqua a testa per cucinare. 6 litri d'acqua da bere per una settimana
    riso, mie istantaneo, latte ultramilk, snack, e tutto quel che ti piacerebbe mangiare bere, la non si trova davvero niente io mi porterei anche la pentola, ma quella dovrebbero averla. se proprio si vuole sbulaccare, con una tenda sei tranquillo ovunque anche dal punto di vista malaria.
    Un pc con dei dvd, un lettore mp3 con le casse, qualcosa da leggere... un vero lusso, ma ti salvano giornate e serate altrimenti perse o viaggiando o aspettando.
    Mi sembra di aver detto tutte le cose essenziali, spero che questo minestrone verrà utile a qualcuno in futuro, o anche a me visto che mi dimentico sempre tutto da un anno all'altro. Ho cercato di riportare con quanta piu precisione orari e prezzi che alla fine è quello che conta... sono caduto spesso nella romanzata personale, ma almeno mi sono passato questi tempi morti d'attesa. Sicuramente non ve lo menerete, come ho lasciato spesso trapelare tra le righe ne succedono di tutti i colori ogni giorno, e molte che ne sono successe non le ho scritte per evitare di cadere nel patetico... ma è un avventura che vale la pena di essere vissuta da ognuno in maniera diversa e personale.
    Buon divertimento e masura bagatta (terima kasih) se hai avuto la pazienza di leggere fin qua.
    MattE (melri@fastwebnet.it)
    Questo documento può essere liberamente divulgato e pubblicato purchè venga indicata la fonte.

    Per approfondimenti sulle Mentawai e gli spot vedi: Indonesia - IV - Sumatra » Arcipelago Mentawai » Guida a Spot Camp Charter



  •  
     
     

    Formato PDF Adobe Acrobat  Formato PDF

    Versione stampabile Versione stampa

    Invia per email Invia per email

     
     
     
  • Download versione completa in formato PDF
  • Indonesia - IV - Sumatra » Arcipelago Mentawai » Guida a Spot Camp Charter

  • Articoli Surf da onda
  • Indice articoli
  • Anteprima articoli
  • Cerca nel sito

    Top in Surf da onda:
    Allenamento » Esercizi di potenziamento muscoli spalle e braccia

  •  
     
     
    9.5
    9.59.59.59.59.5
    Voti: 8

    Esprimi il tuo giudizio
    su questo articolo:

    2
    44
    666
    8888
    1010101010

     
     
    Limite
    I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. SurfReport non è responsabile per il loro contenuto.

    Commenti non abilitati per gli utenti Anonimi, registrati

    Re: La verità sulle Mentawai Overland (Voto: 0)
    da NIKON il 15/09/2006
    (Info Utente | Invia un Messaggio) http://www.paolocarta.3000.it
    Volevo leggere solo l'inizio ma il racconto ti prende davvero, e alla fine dopo mezz'ora l'ho letto tutto e con piacere. Bellissima esperienza narrata in modo esemplare e senza inutili fronzoli.

    Re: La verità sulle Mentawai Overland (Voto: 0)
    da peja il 15/09/2006
    (Info Utente | Invia un Messaggio)
    bella matte!
    il viaggetto da fare con la moglie.

    Re: Mentawaii Overland » La verità su come andare via terra (Voto: 0)
    da pAOlO il 16/09/2006
    (Info Utente | Invia un Messaggio) http://surfreport.it/paolo
    Matte sei stato un grande! Il racconto è bellissimo e utilissimo, me lo sono stampato così me lo studio per bene. La prox volta che ci vediamo ti offro pizza+birra, e te mi racconti ancora... ;-)

    Re: Mentawai Overland » La verità su come andare via terra (Voto: 0)
    da fabonBoard il 17/09/2006
    (Info Utente | Invia un Messaggio)
    Ottima narrazione con particolari molto utili se si vuole intraprendere questo viaggio...complimenti...

    Re: Mentawai Overland » La verità su come andare via terra (Voto: 0)
    da magicoliuk il 03/01/2007
    (Info Utente | Invia un Messaggio)
    ciao Matte....ahhaha che taglio c siamo beccati quest'estate a fine agosto inizio settembre a Bali....li alle scalette in poppilane 2....purtroppo solo per 2 giorni perchè poi sei partito...nn credevo che tornavi da sto viaggetto....cci tua che figo....l'ho letto tutto di un fiato....dai in caso c si vede l'hanno prossimo stesso posto!! Luchino

     
    Home · Contattaci · Raccomanda · Guestbook · Accessi  |  WAVE  |  WIND  |  SNOW  |  Top10 · Cerca · Gadgets · Sostieni · Registrati · Logout      
    Meteo Maps Webcam Reports Spots Forum Gallery Articles MySurf Directory Shops Camps Chat Libri News Gruppi Eventi Annunci
     
    Pagina generata in 0.012 sec. - WEB Server: Apache - OS: Linux - CMS: PHPNuke. I contenuti sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons. I siti collegati possono richiedere l'esclusione dal portale. Risoluzione minima consigliata 1280x1024. Sito ottimizzato per Mozilla Firefox
    Supported by CBA 3BMeteo Test paternità SurfReporter LetsGoItaly Directory SitiUtili WebDir Cerca Codici sconto
    Permalink: http://surfreport.it/modules.php?name=News&file=article&sid=124