Anticiclone e niente freddo

Voglio la neve!
Almeno facesse le onde...
Odio il freddo.
Prendo quel che viene.



Risultati
Sondaggi

Voti: 223
Commenti: 1
 
 
0
    
   Indonesia - II - Bali » Guida pratica e descrizione spot - rev.2  
 
Pubblicato Venerdì 21 Dicembre 2007 da paolo
 
 

Surf da onda
In questo secondo articolo della serie sull'Indonesia, troverai una comoda guida con alcuni consigli pratici su Bali ed una guida degli spot dell'isola. Se non hai ancora letto la prima parte introduttiva, ti consigliamo di farlo subito prima di andare avanti.

L'articolo fa parte di una serie di articoli sull'Indonesia tra cui:
  • Introduzione all'Indonesia: un altro mondo
  • Nusa Tenggara: Lombok Sumbawa Sumba Rote
  • Sumatra, Arcipelago Mentawai: Guida a Spot Camp Charter
  • East Java, Grajagan Plengkung: Guida a G-Land Spot e Camp
  • West Java, Provinsi Jawa Barat: Cimaja, Ujung Genteng e Panaitan island

    Arrivo a Bali

    L'aeroporto Ngurah Rai Airport di Bali è la porta di ingresso dell'Indonesia per il 90% dei visitatori italiani. La prima volta che si mette piede sull'isola è difficile da dimenticare. D'un tratto ci si ritrova immersi (o sarebbe meglio dire sommersi) nei profumi, nei colori e nei suoni più intensi.
    Il mio consiglio è di munirsi di banconote locali all'interno dell'aeroporto, o prelevando con la carta di credito dagli sportelli ATM o cambiando gli Euro presso uno degli sportelli di cambio.
    Da poco è stato introdotto un visto di ingresso da ottenere in Italia prima della partenza o direttamente in aeroporto, pagano qualche decina di dollari a seconda della durata del soggiorno. Attenzione perché per ogni giorno di permanenza oltre a quelli concessi dal visto, dovrai pagare 20$ all'atto della partenza! Il varco della porta di accesso all'aeroporto significa passare in una nuova dimensione: ci si ritrova assaltati da decine di taxisti che ti offriranno un transport per la destinazione che desideri. Quando varchi quella porta devi mostrarti deciso, non ti guardare intorno e non ti soffermare sul da farsi. Se qualcuno ti offre qualcosa tu stallo pure ad ascoltare, ma continua a camminare per la tua strada.
    Tutti i prezzi sono contrattabili, di solito il prezzo minimo ottenibile oscilla tra 1/5 e 1/10 di quello iniziale. Contratta in Rupie, lascia perdere i Dollari o Euro. Ricorda che 10000 Rupie valgono circa 1 Euro ma come valore d'acquisto fai conto che siano 10000 vecchie Lire. Un buon posto per trascorrere le prime notti o tutta la vacanza è Kuta Pantai (Kuta Beach). Il trasporto dall'aeroporto a Kuta richiede circa 15min di tempo e non dovrebbe superare le 30-40000 Rupie.
    Volendo risparmiare è possibile uscire a piedi dall'aeroporto, passando una specie di casello autostradale dove i veicoli pagano un pedaggio di ingresso, e prendere un Bemo, mezzo di trasporto collettivo, al costo di poche migliaia di Rupie (pochi centesimi di Euro).
    Se non sai dove recarti, puoi chiedere al taxista di portarti in Poppies Lane 2, è una zona dove ci sono molti alberghetti economici. Un alberghetto non male in quella zona è il Suka Beach Inn. E' molto frequentato da surfisti da tutto il mondo, in particolar modo australiani. Per una camera provvista di ventilatore al soffitto si spende dai 2 ai 4 Euro a notte compresa colazione. Per qualcosa di migliore si può spendere attorno ai 10-12 Euro, un buon nome ma che non conosco personalmente, è Suji Bungalow.
    I balinesi sono molto ospitali e si ricordano sempre degli ospiti che hanno avuto. Al Suka vai pure a nome mio (Paolo) e chiedi di Angelo, un simpaticone che si occupa in particolare del noleggio delle moto.
    La moto provvista di portasurf costa circa 2-3 Euro al giorno a seconda della durata del noleggio. Per guidare parti con la patente internazionale oppure fatti portare a Denpasar da Angelo per ottenere quella locale per turisti di validità 1 mese. Puoi pure guidare senza patente, a patto di pagare quei 5-10 Euro di mancia ogni volta che un poliziotto ti fermerà.
    Nella strada del Suka Beach ci sono pure ristoranti per turisti, con cucina occidentale e porzioni surfer size (loro sono abituati a porzioni ben più piccole delle nostre). Il ristorante più gettonato è il 96 (nintysix), ottima pure la pizza con forno a legna degna di una buona pizzeria nostrana.
    I locali notturni sono sempre in quella zona, anche se dopo l'attentato al Sari Club nell'Ottobre del 2002, il clue della vita notturna si è spostato più verso Legian che è a pochi chilometri da Kuta in direzione nord.
    Queste sono le prime indicazioni utili per muoversi all'arrivo nell'isola, dopo un paio di giorni dall'arrivo ti sentirai a casa tua. Ora veniamo alla parte più interessante, una descrizione degli spot di Bali.

    Gli Spot

    Mappa spot di Bali

    La quantità e qualità di spot in così pochi chilometri come è il sud di Bali non credo che abbia eguali nel mondo.
    La parte meridionale dell'isola, forma la penisola Bukit (lett. collina) collegata all'isola principale tramite una ligua di terra larga 4-5km dove si trova l'aeroporto. La quasi totalità degli spot di Bali si trova in questa penisola.

    Iniziamo a descriverli partendo dagli spot nord-occidentali del Bukit, quelli che lavorano meglio nella stagione secca: Balangan, Dreamland, Impossibles, Padang-Padang e Uluwatu.
    Partendo da Kuta si segue l'autostrada, detta By-Pass, in direzione Sud per Nusa-Dua o Uluwatu. Ad un certo punto è necessario svoltare a destra per imboccare la strada per Uluwatu, basta seguire le indicazioni. Una via alternativa, più veloce, consiste nel proseguire fino al MacDonald e svotare a destra in corrispondeza di questo, passando per la zona dell'Università. Questa seconda strada è di poco più lunga ma decisamente più rapida e meno trafficata.
    La strada per Uluwatu costeggia tutti i tanti spot che si trovano in questo breve tratto di costa. Il primo che si incontra è:
    -Balangan
    La strada per Balangan si diparte poco dopo Jimbaran (ottimo per i ristoranti di pesce) dalla strada per Ulu. Tuttavia negli ultimi km è molto dissestata e difficilmente percorribile per cui conviene proseguire sulla strada principale per 2-3km e svoltare a destra nell'area di Dreamland.
    La strada per Dreamland la trovi subito dopo una stazione di polizia (Polisi) che rimane sulla sinistra. Dovrai svotare passando dentro una specie di cancello entrando in un'area con ampie viali e rotonde. In questa zona si sta sviluppando una grossa speculazione edilizia, dopo che i lavori sono rimasti fermi per anni. Prosegui lungo questi stradoni a valle fino al mare, infondo troverai Dreamland, seguendo la strada verso destra, poco più avanti Balangan, che è nella baia seguente.
    Balangan è un'onda sinistra, che rompe su fondo corallino con marea medio-bassa. Lo spot funziona bene un po' con tutte le maree, e anche con quella alta. Un'onda si trova all'estrema sinistra (guardando il mare) della baia, il takeoff si fa molto a ridosso della punta di roccia. Vengono surfati anche altri picchi più verso in centro della baia. L'onda è molto veloce, spesso presenta sezioni che chiudono ma, quando raggiunge una certa dimensione e con la marea giusta è possibile fare una lunga corsa. Con bassa marea tende a fare close-out e diventa shallow (fondale poco coperto). Spesso l'onda è più bella a vedersi che a surfarsi, può risultare troppo veloce o tendente al close-out. Però certi giorni regala onde molto buone, molto lunghe e tubanti e di solito lo spot non risulta mai affollato. Entrare e uscire dall'acqua può essere un po' problematico, conviene passare a piedi fino alla punta e buttarsi da là. Un altro modo per raggiungere il picco che io consiglio, è partire da Dreamland, camminare a piedi lungo la spiaggia e fare a nuoto il giro della punta: sono solo un centinaio di metri e ci si ritrova subito sul picco.
    -Dreamland
    E' un buon posto strategico per stare, pure per la notte. Sulla spiaggia molti Warung offrono ristoro e letti per la notte, a prezzi decisamente miseri. Dreamland è facilmente raggiungibile con ottime strade asfaltate, è una bella spiaggia di sabbia attrezzata con lettini e ombrelloni, molto adatta anche per chi viaggia con ragazza al seguito. Purtroppo nel giro di pochi mesi verrà tutto smantellato per lasciare spazio a strutture turistiche di lusso. Già oggi (anno 2007) è funzionante un grosso campo da golf che sorge dove prima pascolavano le vacche.
    Lo spot Dreamland lavora bene con bassa marea e decisamente male con marea media e alta, quando l'onda si riduce ad un risaccone che scoppia sulla battigia. Anzi più bassa sarà la marea e meglio saranno le onde, in particolare consiglio di surfare Dreamland in corrispondenza delle minime maree vive che si hanno nei periodi di luna piena e nuova. Altrove con condizioni di acqua così bassa tutti i reef saranno scoperti e sarà difficile trovare onde surfabili.
    Draeamland è un'onda di tipo A-frame (destra e sinistra) che rompe su un fondo di corallo misto a roccia, sempre con molta acqua. La destra è un'onda meno veloce della sinistra, più adatta al long. La sinistra spesso tende al close-out e permette solo veloci surfate nella partete dell'onda che chiude.
    Verso sinistra (guardando il mare) c'è un secondo picco generalmente peggiore che genera onde sinistre. Dreamland è una buona opzione anche per chi non vuole affrontare le onde sul reef o per chi surfa con il tavolone. Da segnalare anche la bella risacca sinistra che rompe in bassa marea sul tavolato di roccia al centro della spiaggia: viene spesso surfata da professionisti a caccia della manovra aerea più radicale.
    A poche centinaia di metri verso ovest c'è l'onda di:
    -Bingin
    La fabbrica dei tubi, un vero gioiellino della natura. Una sinistra perfetta, tubante, non molto lunga, ma decisamente mozzafiato. Questo è il mio spot preferito, permette di prendere tubi perfetti in modo relativamente facile.
    L'accesso via terra a Bingin avviene da una strada sterrata che si diparte dalla strada per Ulu. Parcheggiata la moto in alto è poi necessario percorrere a piedi 3-400m di dislivello su percorsi pedonali a gradoni: da infarto sotto il sole cuocente!
    Il mio consiglio è quello di parcheggiare a Dreamland e raggiungere Bingin a piedi lungo la spiaggia, se c'è bassa marea, oppure con marea media o alta a nuoto via mare o percorrendo il sentiero che passa sopra la scogliera.
    Bingin lavora bene con bassa marea, quando da il meglio di se per gli appassionati di tube-riding. Con marea media-alta e mare non troppo piccolo lavora peggio ma offre pur sempre onde fantastiche per gli standard nostrani. Capirai quale è la marea migliore per il riempirsi di gente, in particolare di locals che si bagnano solo nel momento migliore. L'affollamento è il problema principale dello spot, oltre ovviamente ad un livello minimo richiesto per surfare l'onda. Bingin non regge molta misura ed è surfabile al meglio con onde attorno ai 2m; con mareggiate più consistenti la sezione centrale tende a chiudere e non resterà che surfare la spalla.
    Il take-off spesso si effettua in meno di 1m di fondale, un errore in partenza potrebbe costare caro. Surfa Bingin solo se sei capace di fare rapidi takeoff in sicurezza.
    Per raggiungere il picco conviene passare alla sinistra dell'onda, contrariamente a quello che verrebbe logico pensare. Il reef è talmente affiorante che non consente all'onda di rompere. Spesso è possibile camminare con l'acqua alle ginocchia fino a pochi metri dal picco e raggiungerlo facendo meno di 10 bracciate!
    Surfando a Bingin non passerà inosservato il prossimo spot della costa:
    -Impossibles
    Questa è un'onda sinistra molto lunga che rompe a lato a Bingin, procedendo verso Uluwatu. Per raggiungerlo è possibile farlo con una ventina di minuti a nuoto da Bingin oppure procedendo avanti sulla strada verso Ulu e lasciando il mezzo nei pressi di un ponticello da dove si vede il mare. L'onda è molto veloce, non è quasi mai surfabile nella sua interezza, da qui il nome. Di solito si formano gruppetti di surfisti qua e là lungo l'onda e ognuno ne surfa un pezzo, fino a che questa chiude. Raramente produce onde veramente valide(di solito con mareggiate giganti e una pericolosa bassa marea) ma è un buon posto dove è possibile rifugiarsi quando si è stufi della gente. Impossibles di solito produce onde assai più grandi di Bingin, apparentemente pure il doppio di misura!
    -Padang-padang
    E' lo spot seguente, raggingibile dal ponticello menzionato sopra. Rimane nascosto da una piccola punta e non è visibile se non dall'acqua o da un punto di osservazione in alto tipicamente affollato dai fotografi.
    L'onda è decisamente di serie A ed adatta a surfisti professionisti o di livello molto alto. E' una sinistra tubante, molto veloce, che rompe in basso fondale sul reef. Molti la chiamano al Pipeline di Bali.
    Per lavorare bene deve esserci una mareggiata di misura medio-grossa, sopra i 5 piedi. Si surfa pure con mareggiate piccole ma la situazione divente very shallow!
    L'onda consta di due sezioni: la prima dove si esegue il take-off che può essere più o meno tubante a seconda della mareggiata e della marea; la seconda sezione mozzafiato si trova quando l'onda impatta il tavolato di roccia, in questo caso il tubo è d'obbligo anche perché se non ti infili dentro matematicamente il lip ti prende...
    -Uluwatu
    A coronare la zona ecco lo spot in qualche modo principe di Bali. Si trova alla fine della strada per il tempio di Uluwatu: è necessario svoltare a destra poco prima del tempio. Il tempio è uno dei più importanti per la religione induista ed è un must da visitare, se non altro per la sua collocazione a strapiombio sul mare con un panorama fantstico. Uluwatu è pure popolato da un grande numero di scimiette che spesso usano l'astuzia rubando occhiali, cappellini e quanto altro per estorcere cibo ai visitatori.
    L'accesso all'onda avviene tramite una specie di grotta, venutasi a formare a seguito della frana di un tratto del costa alta e rocciosa che contraddistingue la zona. Con l'alta marea la grotta si riempie di acqua mentre con la bassa si forma pure una piccola spiaggia.
    L'ingresso in acqua non presenta particolari difficoltà, l'onda rompe lontano dalla costa. Altro discorso è il rientro: infatti si forma una corrente che porta verso destra (guardando il mare) e spesso risulta molto intensa. La corrente maggiore si ha con la bassa marea, in questo caso è conveniente uscire a piedi poco più avanti e camminare lungo un breve tracciato che riporta dentro la grotta. Con la media e alta marea questo percorso non è accessibile, l'unica via di uscita è entrare a nuoto direttamente nella grotta.
    Fare molta attenzione le prime volte che si surfa Ulu, vedi bene come si comportano gli altri, domanda ai locals e se il sole inizia a tramontare esci per tempo. In caso è sempre possibile remare dentro fino a Padang-Padang anche se non credo che l'avventura sia molto gratificante, saranno diversi chilometri!
    L'onda di Uluwatu è sinistra, si srotola su un fronte che può superare i 500m. Tipicamente ci sono vari picchi. Quello più esterno è detto The Temple (a sua volta distingubile in Outside Temple e The Bombies), produce le onde più grandi, ed è il meno affollato. Quello centrale di fronte alla grotta è detto The Peak, lavora con marea medio-alta mentre con la bassa tende al closeout, è il più affollato e produce onde potenti e tubanti, non molto lunghe. Il picco più sotto è detto Racetracks, è un'onda tubante e lavora meglio con marea bassa. Ancora più sotto si forma Inside Corner, onda molto hollow che rompe in basso fondale con marea medio-bassa. Con grosse mareggiate sopra gli 8 piedi, rompe Outside Corner, il vero Uluwatu, produce onde fino a 300m di lunghezza!
    A poca distanza da Uluwatu, dalla strada principale, si trova il complesso alberghiero di
    -Nyang-nyang
    Presta attenzione, passando, alla piccola insegna. Questo è uno spot sulla costa sud, direttamente esposto alle mareggiate, che lavora in condizione di mare quasi piatto, quando altrove è insurfabile. L'unico scotto da pagare è quello della camminata di quasi 1 ora!
    Qua si conclude il tratto di costa nord-occidentale del Bukit, un vero concentrato di spot da surfare di preferenza nella stagione secca. Vediamo adesso il tratto di Bukit esposto verso sud-est che produce onde di qualità nella stagione delle piogge.
    Partendo da Kuta si prosegue sulla stessa autostrada detta in precedenza, passando davanti a MacDonad e procedendo fino infondo. La zona che si incontra è quella di
    -Nusa-Dua
    Letteralmente Isola Due è caratterizzata da fantastici giardini nei quali sono immersi i più lussuosi centri alberghieri di Bali.
    L'onda rompe su un reef corallino fuori a circa 1km dalla spiaggia su cui si affacciano gli alberghi. L'onda va surfata quando la marea è stazionaria altrimenti la corrente troppo forte non consente di rimanere in posizione sul picco. Tipicamente si surfa con marea alta, ma è surfabile pure con la bassa, raggiungendolo camminando sul reef. Con alta marea le opzioni per raggiungere lo spot sono 2: affidarsi a delle barche oppure andare a nuoto. La prima è la più comoda ma non del tutto economica e non necessariamente più veloce. L'impresa di raggiungere il picco a nuoto è piuttosto semplice, anche con mare grosso. Basta camminare lungo la spiaggia fino incima alla punta, buttarsi da là e cominciare a remare. In quel punto dei canali permettono di uscire facilmente.
    L'onda è destra, ci sono vari picchi che lavorano a seconda della mareggiata e della marea. Regge misure ragguardevoli, pure oltre i 4m. Il reef è abbastanza profondo e di solito non crea pericolo, anche a surfisti non molto esperti. Occorre solo stare attenti se si è in acqua con marea media in calo, uscire per tempo prima che il reef sia troppo scoperto oppure aspettare che si scopra completamente e poi uscire camminando.
    Più avanti (verso ovest) nell'area di Nusa-Dua si trova lo spot
    -Green-ball
    E' uno spot da controllare quando altrove è piccolo, c’è sempre 1-2 ft in più che a Ulu. Prestare la massima attenzione alle correnti specialmente con marea in calo perché da lì al polo sud c’è solo acqua!
    Nome derivato da alcune palle di vetro utilizzate dai pescatori locali come galleggianti. Per trovarlo segui le indicazioni per l'albergo Bali Cliff Hotel. E' un'onda destra, potente, che pela la costa. Per raggiungerlà è necessario scendere un centinaio di scalini. In direzione est, sempre nella zona di Nusa Dua, ci sono altri spot secondari che spesso producono buone onde con poco affollamento. Consiglio di percorrere tutto il complesso di Nusa-Dua e affacciarsi di tanto in tanto sulla spiaggia per controllare la situazione. Un ottimo spot subito fuori dal complesso di Nusa-Dua, di fronte al Club Mediterranee è
    -Sri-Lanka
    Lavora in condizioni di bassa marea e con mareggiata media-grossa. E' il posto da surfare quando Nusa-Dua è troppo grosso. L'onda è una destra perfetta, tubante, che rompe su un reef piuttosto shallow e vivo.

    Altri ottimi spot nel periodo secco, si trovano nella zona di Kuta, ma soffrono problemi di affollamento.
    -Kuta-Beach
    La spiaggia di Kuta produce onde tubanti molto veloci, tendenti al close-out se la marea non è quella giusta. Halfway (davanti al Rama Palace Hotel) è il punto della spiaggia in cui con marea bassa e swell consistente 6 piedi, si producono sinistre tubanti di ottima qualità. La zona di Tuban (davanti a Kuta Reef) è più adatta ai principianti in quanto le onde sono sempre piccole. Man mano che si sale verso nord le onde sono più grandi.
    -Legian-Beach
    E’ un beach break molto bello che funziona a marea medio alta e swell non troppo grossa (8 ft+) altrimenti fa close-out(anche ad alta marea). Produce a seconda dei sand bar onde destre e sinistre potenti e anche belle lunghe. Solitamente c’è 1/2m-1m in più che a Kuta beach.
    Un ottimo spot su reef è
    -Kuta-Reef
    Si trova di fronte al Sandi Phala Motel a 800m da riva raggiunge con delle barche dall'estremità sud della spiaggia di Kuta o facendosi una bella nuotata. Produce onde sinistre, con vare sezioni tubanti alternate ad altre più lente, la marea ottimale è medio-alta è spesso insurfabile a bassa marea quando tende al closeout. Nelle condizioni migliori l'onda supera i 200m di lunghezza. Risente molto dell'affollamento. Con mareggiate troppo grosse l'onda perde di precisione e di qualità. -Middles
    E' il secondo picco dopo Kuta-Reef, circa 800m oltre e più al largo. Le onde qua sono sempre più grandi che a Kuta-Reef, si può surfare anche mareggiate piccole pur reggendo molto bene anche la misura. L'onda è meno precisa e regolare, spesso tende ad essere tipo hot-dog, ma nel giorno giusto genera ottimi tubi. Attenzione ai clean-up set che periodicamente spazzano via la lineup, la risalita dall'inside con mareggiate consistenti può essere abbastanza da incubo....

    Seguendo oltre, nei pressi dell'aeroporto si surfano delle onde che sono visibili quando atterri sull'isola. Lo spot si chiama
    -Airport's
    Si distingue Airport's Left e Airport's Right. Airpot’s rigth produce destre surfabili con alta marea sino a 4-5 m. questo spot non sopporta il vento. Lo si raggiunge in barca da Jimbaran.
    Airport’s left è a fianco a Kuta reef, anche se solitamente le onde sono più grosse, sono anche più corte.

    Lungo la costa Ovest di Bali, Kuta una decina di chilometri più a nord di Kuta, si trova il centro di
    -Canggu
    Lo spot (che si pronuncia Ciangù) produce ottime onde sia destre che sinistre, su un fondale di sabbia e reef, in tre picchi distinti a seconda della marea. C’è una sinistra su reef, un’altra sinistra su sabbia che funzionano a media marea ed una destra su reef che funziona ad alta marea. E' il campo di gioco di molti grommets locali. Surfabile in buone condizioni solo con assenza di vento (mattino presto e tramonto). Più a nord lungo la costa si trova lo spot di
    -Balian
    Lo spot è molto esposto a sud ed offre buone onde quando gli altri spot risutano molto piccoli. Balian è difficile da raggiungere, la prima volta fatti guidare da qualcuno che conosce la zona. Ancora più a nord, a poco meno di 100km da Kuta procedendo, si trova lo spot di
    -Medewi
    L'onda è di tipo point-break sinistra, nelle condizioni ottimali è lunga centinaia di metri (300+). Lavora bene con la marea media. Permette un surf più rilassato rispetto agli affollati spot del sud di Bali. L'onda è meno tubante di quelle su reef ed è adatta pure a surfisti di livello medio-basso e longboards. Anche qui i trade wind sono on shore. Come nota folcloristica, la zona è molto frequentata da serpenti d'acqua, innocui seppur potenzialmente molto velenosi.
    Adesso vediamo la costa est di Bali.
    Il primo spot che incontriamo partendo da Kuta in direzione di Sanur è
    -Serangan
    Produce onde sia destre che sinistre su un fondo di corallo. Non presenta un picco ben preciso, per cui regge pure l'affollamento, è molto gettonato in particolar modo dai giapponesi. La marea ottimale è la media. Per raggiungerlo è necessario lasciare la strada per Sanur seguendo le indicazioni e seguire una strada sterrata piuttosto brutta fino a raggiungere la costa dove alcuni warung danno il benvenuto.
    Altri spot più a nord di Serangan è quello si trovano nei pressi della città di Sanur. Gli spot dell'area sono tre.
    -Sanur Reef
    E' un'ottima onda destra che lavora solo con mareggiate di una certa misura. Quando a Nusa-Dua ci sono 6-8 piedi qua si può surfare 4 piedi. E' forse la migliore destra di Bali, tubante su fondale corallino, spesso cattiva e pericolosa.
    -Tandjung
    Composto da vari picchi, l'onda è pressappoco della solita misura di Sanur Reef, però tende ad essere molto veloce e a fare close-out, anche con marea alta. E' sconsigliabile surfarlo con più di 4-5 piedi perché diventa assai pericoloso. C'è pure un picco che produce sinistre di qualità variabile.
    -Grand Hyatt
    Rompe di fronte all'omonimo hotel, ottima destra su fondo di corallo. E' raggiungibile con battello o nuotata di una ventina di minuti. Non tirare troppo l'onda per non ritrovarsi nel basso fondale sul corallo.
    -Keramas
    Poco più a nord di Sanur si trova questo spot scoperto di recente dove spesso si tengono surf contest locali e internazionali. Lo spot è molto consistente e rompe un'onda destra su un tavolato di roccia. L'onda è potente e tubante, molto adatta a manovre radicali.

    Da Sanur o dal porto di Benoa è possibile prendere un traghetto per Nusa Lembongan, una piccola isola a circa 2 ore di navigazione da Bali. Gli spot di Nusa Lembongan, sono raggiungibili con una ventina di minuti di nuoto dalla spiaggia e lavorano con marea alta. Sono i seguenti.
    -Playgrounds
    Prende il nome da una piattaforma acquatica per giochi. Con alta marea lavora meglio la destra, con la bassa questa tende a chiudere e inizia a rompere la sinistra. E' lo spot più ridossato dell'isola, lavora con grosse mareggiate.
    -Lacerations
    E' una destra hollow, veloce e potente, piuttosto corta, che rompe su un corallo affilato. E' piuttosto pericolosa, per questo il nome.
    -Shipwrecks
    Bella destra su reef, che regge una discreta misura. L'onda non è molto lunga, consiste in un bel takeoff spesso radicale che poi non offre molta parete, lasciando spazio ai cut back.


    Altre Info

  • Per le informazioni di carattere generale si rimanda al primo articolo dal titolo Indonesia un altro mondo.
  • Un buon sito internet con report aggiornati, previsioni, foto, tabella delle maree e molte informazioni utili è Baliwaves.


  •  
     
     

    Formato PDF Adobe Acrobat  Formato PDF

    Versione stampabile Versione stampa

    Invia per email Invia per email

     
     
     
    Bir Bintang
    Shipwreck - Nusa Lembongan - Indonesia
    Una bella destra...
    The Corner in Uluwatu - Bali - Indo
    Paolo piping hot!
    Uluwatu si dimostra uno dei migliori spot Balinesi... Molto consistente! Photo: Paolo Della Capanna
    Arcobaleno Indonesiano
    Uluwatu - Bali - Indonesia
    La perfezione per un goofy!
    Tramonto a Bingin, fine di un giorno fantastico con 1.5-2m d'onda tubey.
    Sunset in Uluwatu - Bali. Lavora il picco The Corner con la bassa marea.
    Ecco l'A-frame perfetto di Dreamland, destra più tranquilla e sinistra mozzafiato! Lavora al meglio con mareggiate sopra i 4-5 piedi e marea bassissima. Sopra gli 8-10 piedi tende al closeout e non è praticabile. E' un'onda grossa ma tutto sommato tranquilla, rompe su fondo di roccia ma con molta acqua, quindi tranquilla... Spot abbastanza consistente, quasi al pari di Uluwatu. Con mare piccolo regala risacche molto divertenti.
    Una vera e propria indigestione di tubi a Bingin, dall'alba al tramonta la solita musica... Questa è la vista dal letto. Photo: Paolo Della Capanna
    Diego Airport Rights
    Penso che sia abbastanza chiaro perchè mi piace questa onda... Quel giorno era piccolo, ma con un po' di fortuna (anche perchè molto affollato) qualche bella botta l'ho surfata. Spot: Bingin - Bali - Indonesia Surfer: Paolo Della Capanna Photo: Marroke<BR> <I>Vedi la <A HREF='http://www.cba-analisi.it/Indo2003/Best/bingin.jpg' TARGET='_new'>foto in formato originale</a> (2.8Mb)</i>
    La sx di Balangan
    E chi l'ha detto che a Dreamland fa delle onde di merda? Perfetto A-Frame 5-6 piedi con mareggiata media e marea superbassa (luna piena). Destra un po' moscia, sinistra superveloce. Photo: Paolo Della Capanna
    La destra di Sanur reef nei pressi del Grand Hyatt hotel. Questa onda che si vede nella foto è veramente grossa, double-triple overhead, 3-4 metri veraci!
    Un giorno veramente GROSSO ad Uluwatu... solo 4-5 impavidi in acqua, picco a oltre 1km da riva... la foto non rende! Vedi pure i filmati nella sezione Video.
    Il bellissimo spot di Canggu a nord di Kuta Bali. Ha 3 picchi e onde per tutti i gusti. Questo è il primo picco, onde sinistre su reef, potenti e spesso tubanti. Il secondo picco rompe su sabbia e forma sinistre molto veloci e potenti e destre un po più lente. Il terzo picco, su roccia, offre destre lunghe e tubanti, e pure sinistre. Spot molto consistente, lavora bene la mattina con marea non troppo bassa, il pomeriggio risente del vento che entra side on-shore anche nella stagione secca.
    Diego Legian
    Bingin (Bali) visto dall'alto. Era un giorno medio-piccolo con circa 1.5m d'onda. La sera al tramonto arrivavano a 2m.
    Bingin: la perfezione, il sogno per ogni goofy. Easy barreling per tutti! Photo: Paolo Della Capanna
    On the way to the spot...
    Paolo e Fabrizio a Bingin
    Della sequenza ho scelto questa foto perchè in tutte le altre il surfista non si vedeva affatto... Direi non male...! Photo: Paolo Della Capanna
    Medewi-Bali-Indonesia è un onda bellissima! Nella condizione ideale supera i 400m (forse la + lunga sx dell'isola)
    Balangan
    Dedicata a Paolo, vero estimatore di Bingin
    Intramontabile Bingin super low tide. surfer: myself ph: marroke.com
    Shipwreck - Nusa Lembongan
    Shipwreck - Nusa Lembongan - Indonesia
    Bingin
    Ce la farà? (4)
    Bingin e lo sfondo del Bukit. surfer:myself ph: cameron barber.
    Sanur
    uluwatu
    Surf-bike
    Bambini
    Maschera
    PadangPadang
    Nusa Lembongan
    birrino di Uluwatu
    Tubo
    Kutu
    Changgu
    Impossibles
    Small Uluwatu
    dreamland
    Diego Legian + donna su schiuma
    padang
    [ SLIDESHOW ]
     
     
     
  • Nusa Tenggara: Lombok Sumbawa Sumba Rote
  • Sumatra, Arcipelago Mentawai: Guida a Spot Camp Charter
  • East Java, Grajagan Plengkung: Guida a G-Land Spot e Camp
  • West Java, Provinsi Jawa Barat: Cimaja, Ujung Genteng e Panaitan island
  • Indonesia un altro mondo
  • Baliwaves

  • Articoli Surf da onda
  • Indice articoli
  • Anteprima articoli
  • Cerca nel sito

    Top in Surf da onda:
    Allenamento » Esercizi di potenziamento muscoli spalle e braccia

  •  
     
     
    9.5
    9.59.59.59.59.5
    Voti: 12

    Esprimi il tuo giudizio
    su questo articolo:

    2
    44
    666
    8888
    1010101010

     
     
    Limite
    I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. SurfReport non è responsabile per il loro contenuto.

    Commenti non abilitati per gli utenti Anonimi, registrati

     
    Home · Contattaci · Raccomanda · Guestbook · Accessi  |  WAVE  |  WIND  |  SNOW  |  Top10 · Cerca · Gadgets · Sostieni · Registrati · Logout      
    Meteo Maps Webcam Reports Spots Forum Gallery Articles MySurf Directory Shops Camps Chat Libri News Gruppi Eventi Annunci
     
    Pagina generata in 0.008 sec. - WEB Server: Apache - OS: Linux - CMS: PHPNuke. I contenuti sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons. I siti collegati possono richiedere l'esclusione dal portale. Risoluzione minima consigliata 1280x1024. Sito ottimizzato per Mozilla Firefox
    Supported by CBA 3BMeteo Test paternità SurfReporter LetsGoItaly Directory SitiUtili WebDir Cerca Codici sconto
    Permalink: http://surfreport.it/modules.php?name=News&file=article&sid=29